5 Gennaio 2021 Culture

BEFANA METER E​ MILES, I VINCITORI DELLA 26° EDIZIONE

Anche quest’anno, sia pure con le restrizioni imposte dalla normativa Anticovid, l’associazione Meter e Miles (nella foto i premiati della scorsa edizione) che si occupa di progetti rieducativi per persone con handicap,​ ​ ha celebrato il tradizionale appuntamento della Befana. La befana dei senza diritti è stata appellata la 26° edizione. Nell’anno peggiore per le persone con disabilità, ha affermato Saro Visicaro, Presidente Meter e Miles, il vuoto dello Stato Sociale è marcato dallo smantellamento dei servizi sanitari, dell’istruzione, dell’assistenza personale e dell’inserimento sociale. Inefficienza, incapacità e indolenza degli apparati hanno determinato e determinano sempre più l’aggravamento delle condizioni delle fasce più deboli della nostra comunità. La consegna degli attestati di riconoscimento e di demerito in riferimento all’impegno profuso nell’ultimo anno, è stata rinviata a data da destinarsi .
La Giuria di Qualità e il Comitato Scientifico rispettivamente composti da: Carlo Mastroeni, Sergio Todesco, Ester Isaja, Maurizio Ballistreri, Sergio Marotta, Antonella Caraco’, Armando Siciliano, Roberto Gugliotta hanno indicato le seguenti personalità distintesi per impegno e merito nei vari ambiti professionali:
Enrico Spicuzza, Pres. dott. commercialisti; Giorgio Foti; Nadia Terranova, scrittrice; Lelio Bonaccorso, fumettista; prof. Gianfranco Pellicano’ infettivologo; Lorenzo Mondello, virologo; Basilio Maniaci, storico; dott. Giuseppe Falliti; Valentina Di Salvo, scrittrice; prof. Giuseppe Rando; Claudio Militti, artista (alla memoria); Maria Grazia Maiorana, Associazione Bucaneve; Patrizia Aiello cantante x canzone “Imperfetta”, inno alla disabilità; Sabrina Palumbo, volontaria protezione civile; Angela Sciavicco, direttrice casa circondariale Gazzi; Umberto Parlagreco, multisala Iris; Procura Reggio Calabria per operazione Cenide del 18 dic.2019; il libro scritto da Francesco Certo e Rosanna Affronte; prof.ssa Loredana Amata, docente Liceo Archimede; prof.ssa Caterina Celesti, Dirigente Scolastica; dott.ssa Donatella Manna, psicoterapeuta; prof. Luigi Chiara; l’ Associazione Tutela Forze Armate rappresentata in Sicilia dal segretario regionale avv. Silvana Paratore, impegnata nella prevenzione dei suicidi dei militari: fenomeno che è stato oggetto dell’appassionato intervento accreditato dalla Corte d’Appello per l’inaugurazione dell’anno giudiziario svoltasi in Corte d’Assise a Messina.​
La Giuria ed il comitato scientifico in tutte le sue componenti, ha poi indicato il presidente Musumeci come personalità a cui consegnare un attestato di demerito per il mancato rispetto della parità di genere in giunta.​