Coronavirus, Cateno De Luca: “Torneranno i droni”

11 Gennaio 2021 Cronaca di Messina

Sarà un coordinamento interforze costituito da carabinieri, polizia, Guardia di Finanza, guardia forestale, esercito e polizia municipale e metropolitana a garantire il rispetto della zona rossa, sul quale il Questore emetterà una propria ordinanza. E quanto emerso dalla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza, del quale ha relazionato il sindaco di Messina catena de Luca.de Luca.

De Luca ha anche annunciato l’utilizzo dei droni, comprati durante la prima ondata e utilizzati pochissime volte, per il controllo del territorio con specifica attenzione verso quelle che ha definito “zone particolarmente sensibili”, rioni e quartieri in cui nei mesi scorsi si sono registrati più assembramenti, praticamente quasi mai sanzionati.

L’obiettivo, ha specificato De Luca, è limitare al minimo indispensabile gli spostamenti (l’ordinanza regionale prevede espressamente il divieto di circolazione), e per questo anche gli uffici saranno chiusi: resteranno aperti solo quelli che offrono i servizi essenziali.

Tra questi rientreranno per esempio i Caf: gennaio è il mese cruciale questo per il rinnovo delle certificazioni Isee e per usufruire dei vari bonus dello stato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione