Messina zona rossa, Sicilia Futura a De Luca: “Si modifichi l’ordinanza”

11 Gennaio 2021 Politica

Tutti d’accordo sulla necessità ed urgenza di misure restrittive e straordinarie a Messina, ma l’ordinanza firmata ieri a tarda sera risulta poco comprensibile in alcuni punti e può generare confusione. E’ quanto rilevano i consiglieri comunali di Sicilia Futura (Piero La Tona, Nino Interdonato, Daria Rotolo) in un’interrogazione urgente trasmessa al sindaco.

I punti poco comprensibili

L’andamento esponenziale dell’epidemia a Messina- scrivono- comporta la necessita di misure straordinarie, per fronteggiare il propagare del virus COVID-19. Concordiamo con il sindaco sull’emanazione di interventi più restrittivi, rispetto a quelli presi dal Presidente della Regione, quali ad esempio la regimentazione degli orari delle attività, il coprifuoco, la chiusura di parchi, ville impianti sportivi, piazze, cimiteri. Ma, nell’urgenza dell’emanazione del provvedimento sono previste restrizioni anche per le attività previste nell’allegato 23 al Dpcm, oggettivamente poco comprensibili e certamente nocive per la già fragile economia cittadina”.

De Luca modifichi l’ordinanza

Alla luce di queste premesse i consiglieri di Sicilia Futura invitano il sindaco a rideterminare con urgenza i divieti e le restrizioni alle attività commerciali ed imprenditoriali, allineandoli a quelli disciplinati dal D.P.C.M n. 301 del 3 Dicembre 2020, al fine di uniformare la Città Messina alle misure che vigeranno nelle istituende zone rosse nel resto della Sicilia e del resto d’Italia, evitando quindi ulteriori isolamenti (anche per evitare eventuali tensioni sociali).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione