Spedito da Giardini, pacco percorre 4885 chilometri per arrivare a Fraine, passando due volte per l’Africa…

15 Gennaio 2021 Mondo News

Comprare on line e ricevere comodamente a casa propria. Una pratica sempre più diffusa che ha subìto un’impennata esponenziale proprio durante la pandemia per via delle restrizioni imposte alla libera circolazione delle persone. Una comodità sfruttata in particolare da chi vive nei piccoli centri montani, lontano quindi da centri commerciali.

E proprio da un piccolo Comune dell’Alto Vastese arriva una testimonianza che ha dell’incredibile. Un residente di Fraine ha acquistato on line un oggetto di cui aveva necessità. Il pacco è stato spedito da Giardini Naxos, in provincia di Messina.

Dopo 14 giorni di attesa il pacco partito dalla Sicilia è stato regolarmente consegnato a Fraine, ma ciò che lascia perplessi è il lunghissimo viaggio percorso dal pacco stesso. Dopo aver attraversato la Sicilia nella sua interezza il pacco si è imbarcato ed ha raggiunto la Tunisia, in Africa. Un viaggio intercontinentale, certificato tappa dopo tappa dal sistema di tracciamento offerto dai corrieri.

Da lì è salpato nuovamente verso il porto di Marsiglia, in Francia, per ripartire subito dopo verso l’Africa, precisamente alla volta dell’Algeria. Dall’Algeria, sempre via mare, il pacco destinato a Fraine è approdato in Spagna, è stato trasportato lungo tutta la costa mediterranea fino alla Francia, ancora verso il Principato di Monaco per entrare finalmente sul suolo italico. Una volta in Italia il pacco ha attraversato la Liguria, l’Emilia Romagna, le Marche e dopo aver percorso qualcosa come 4885 chilometri è stato consegnato a Fraine, nell’Alto Vastese.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione