Messina, bando per nuove installazioni nel parco di “Fiumara d’Arte”

Il dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina ha pubblicato un bando per la realizzazione di 13 installazioni temporanee artistiche nel parco "Fiumara d’Arte", il museo all’aperto voluto dal mecenate Antonio Presrti lungo gli argini del fiume Tusa, nel Messinese. Il bando riguarda opere di design ambientale e della luce per la rigenerazione del museo. Sono previste due sottosezioni, una (junior) aperta ad artisti, architetti e designer under 40, l'altra (senior) per maestri artisti, architetti e designer già affermati.

Le opere saranno realizzate e collocate temporaneamente nelle aree circostanti alle sculture monumentali del museo d’arte contemporanea. "Sono molto felice - ha detto Presti - di intraprendere questo cammino di creatività con l’Università di Messina. In questo momento di emergenza e di depressione culturale la nascita di queste nuove opere innesterà una nuova manifestazione di bellezza, una grande occasione di creatività aperta a tutte le arti, un’occasione di rigenerazione con lo sguardo al futuro, la possibilità di offrire anche questa grande opportunità di partecipazione e di educazione specialmente ai giovani artisti e architetti under 40». «Le installazioni temporanee - ha aggiunto Presti - in continuità spirituale e fisica con le opere già esistenti creeranno dei belvedere dell’anima. Come in un viaggio le opere avranno una natura dinamica e di futuro in altri luoghi della Sicilia, luoghi incantati, sacri come la grande madre Etna. Questo cammino tra i 'Belvedere dell’animà consegnerà una nuova Visione».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione