Metroferrovia, slitta l’avvio del biglietto integrato. La UIl: «Occorre essere pronti entro settembre per il prossimo anno scolastico»

2 Febbraio 2021 Politica

«Apprendiamo e condividiamo per alcuni aspetti la decisione presa da Regione e Amministrazione Comunale di posticipare l’avvio del sistema integrato Atm – Metroferrovia perché di certo questa fase pandemica avrebbe falsato la necessaria sperimentazione ed una falsa partenza avrebbe compromesso l’avvio di un servizio che sta per iniziare dopo anni di fallimenti e latitanza politico-amministrativa». A sciverlo, in una nota, è Michele Barresi, segretario generale UIltrasporti Messina, che commenta il rinvio del sistema integrato di trasporti (con tanto di ticket unico), che sarebbe dovuto iniziare l’1 Febbraio.

«Reputiamo – spiega il sindacalista – che sarebbe comunque stato utile l’integrazione del servizio anche in questa fase pandemica già dal 1 febbraio per decongestionare i mezzi Atm alla ripresa della scuola in presenza, ma ribadiamo tuttavia la necessità di avviare entro l’estate la sperimentazione tariffaria e una necessaria campagna commerciale di marketing per far conoscere all’utenza il nuovo servizio. Abbiamo constatato con favore come l’amministrazione comunale abbia già intrapreso nelle scorse settimane il monitoraggio sullo stato delle opere connesse alle stazioni ma occorre per tempo provvedere alla rimodulazione del piano di esercizio Atm e l’incremento dell’attuale offerta treno da parte di Trenitalia che oggi garantisce solo 14 corse di Metroferrovia tra Messina e Giampilieri. Non sia a “data da destinarsi” l’avvio della sperimentazione – conclude Barresi – perché il prossimo mese di settembre, alla ripresa del nuovo anno scolastico, ci deve trovare pronti ad avviare definitivamente il servizio prevedendo per tempo l’incremento del numero di collegamenti treno nella fascia oraria diurna  e la relativa Inter modalità con i mezzi Atm».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione