Il Consiglio Comunale invita l’Amministrazione a costituire il “settimo quartiere”. Dovrebbe comprendere Acqualadrone, Spartà, Castanea, le Masse, Salice, Gesso, Rodia , S. Saba, Ortoliuzzo, Ponte Gallo

8 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

Mentre si attende il referendum che consentirebbe alle ex XII e XIII Circoscrizioni di staccarsi dal Comune di Messina per costituire un Comune autonomo, il Consiglio comunale ha inviato un atto di indirizzo all’Amministratore con la quale chiede la costituzione di una “settimo quartiere”, formato proprio dai villaggi che attendono di andare a votare per la scissione, appartenenti alla attuale VI Municipalità, affinché il territorio di quest’ultimo sia ridotto e si attui il Regolamento sul decentramento amministrativo che prevede proprio una nuova Municipalità.

A sollecitare il l’Aula è stato il gruppo consiliare di Forza Italia, che aveva più volte presentato una trasmissione di delibera al presidente del Consiglio comunale, Claudio Cardile, (firmate dai consiglieri comunali Nicoletta D’Angelo, Pierluigi Parisi e Ugo Zante), dopo che la proposta non è mai stata portata all’ordine del giorno.

“La nuova delimitazione territoriale prevedeva l’istituzione della 7^ Municipalità  scorporando dall’attuale 6^ i villaggi appartenenti all’ex 12^ e 13^ circoscrizione e  precisamente i villaggi di: Acqualadrone, Spartà, Castanea, le Masse, Salice, Gesso,  Rodia , S. Saba, Ortoliuzzo, Pontegallo – si legge nella delibera consiliare – La 6^ Municipalità avrebbe compreso i villaggi di: Contemplazione da Salita Fosse e  Canale , Pace, S.Agata, Ganzirri, Sperone, Faro Sup. Curcuraci, Torre Faro e Tono”.

“La richiesta era motivata dalla considerevole estensione territoriale pari a una  superficie di 85 Kmq e una densità abitativa di oltre 35.000 residenti e che l’assetto  territoriale non risponde alle esigenze dei residenti, in quanto sussistono delle differenze  sostanziali di carattere storico, culturale dei territori accorpati e con problematiche  diverse stante anche le condizioni orografiche e viabili del territorio”, spiegano.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione