Libero Gioveni: «A quando il via alle istanze per la Family Card e per tutti i ristori?»

9 Febbraio 2021 Politica

«È già trascorsa esattamente una settimana dall’approvazione da parte del Consiglio Comunale del Bilancio di Previsione 2021, che tra l’altro è stato oggetto di feroci polemiche da parte del sig. sindaco che sollecitava l’Aula ad approvarlo in fretta per poter sbloccare gli aiuti economici alle famiglie, in particolare l’attivazione della “family card” per la quale abbiamo previsto in Bilancio delle risorse pari a ben 6 milioni e 700.000 euro. Proprio a causa di quelle dure prese di posizione da parte del primo cittadino e alla luce dell’avvenuta approvazione del Bilancio già dallo scorso 2 febbraio cui è seguita peraltro l’immediata esecutività votata dall’Aula, parecchi cittadini aventi diritto si chiedono legittimamente il perché ancora codesta Amministrazione non si sia attivata con il nuovo avviso che dovrebbe coprire le necessità alimentari almeno per il primo trimestre del 2021». A scriverlo, in un’interrogazione rivolta agli assessori Previti e Calafiore, al presidente della Messina social city Valeria Asquini e al presidente del consiglio comunale Claudio Cardile, è il capogruppo di Fratelli d’Italia Libero Gioveni.

«Al netto degli aiuti economici ed agevolazioni per le imprese e per i commercianti (esenzione di acqua, Tari e occupazione suolo pubblico per un totale complessivo di poco più di 2 milioni di euro più 4 milioni di euro per il nuovo bonus che si spera venga subito attivato dopo l’ultimazione della prima procedura ancora in atto), si vuole rammentare – prosegue – che in Bilancio sono state previsti anche altri aiuti alle famiglie come l’esenzione dei fitti degli alloggi comunali (450 mila euro) e il rimborso dei contributi delle utenze (274 mila euro) e degli affitti (197 mila euro), misure queste ultime che evidentemente dovranno essere adottate a “rendicontazione”, ma per le quali si chiede di trovare soluzioni, ove fosse possibile, per evitare di far anticipare queste spese alle famiglie in un periodo di palese difficoltà».

Due i quesiti posti dall’esponente di Fratelli d’Italia, che chiede di conoscere i motivi che ancora ostano alla pubblicazione dell’avviso pubblico per la nuova attivazione della Family card destinata alle famiglie aventi diritto e quanto tempo ancora occorrerà prima di poter far procedere i richiedenti con la presentazione delle istanze.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione