In carcere il boss Carmelo Vito Foti

11 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

Di Leonardo Orlando - Dai domiciliari per l'operazione “Dinastia”, ieri è tornato in carcere il boss barcellonese Carmelo Vito Foti, 54 anni, per il quale il Gup del Tribunale di Messina, dinanzi al quale l'umo dovrà comparire il prossimo 19 febbraio per essere processato con il rito abbreviato, ha emesso una ordinanza con la quale ha disposto l'aggravamento della misura cautelare. Alla base dei motivi che hanno portato al trasferimento in carcere ci sarebbero annotazioni dei carabinieri che indicherebbero violazioni di divieti di contatti con persone con le quali Foti non poteva avere rapporti, sopratutto parenti. Lo stesso, fra l'altro, usufruiva di permessi per motivi di cure. Per l'operazione “Dinastia”, Carmelo Vito Foti, difeso dall'avvocato Gaetano Pino, era tornato in carcere lo scorso 28 febbraio per una attività estorsiva che sarebbe iniziata - secondo i collaboratori di giustizia - nei primi anni '90 fino al dicembre del 2014 ai danni dell'agenzia di onoranze funebri “Charitas” di Milazzo di cui è stato titolare il defunto Franco Vinci. Per l'accusa Foti avrebbe costretto Vinci, al quale erano riconducibili diverse società che svolgevano il servizio di pompe funebri e trasporto infermi, a farsi consegnare la somma complessiva di 7.500 euro ogni anno da versare in occasione delle festività di Natale, Pasqua e Ferragosto. Fonte: Gazzetta del Sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione