MESSINA: SIT-IN SABATO 13 FEBBRAIO DALLE ORE 10.30 A PIAZZA UNIONE EUROPEA

12 Febbraio 2021 Politica

Il Circolo P. Impastato del PRC di Messina ha organizzato per domani un sit-in di protesta contro la nuova formazione governativa con a capo Mario Draghi.

"In questa settimana il PRC sta organizzando manifestazioni in città e capoluoghi di tutta Italia, con sit-in e volantinaggi contro il nuovo Governo tecnico targato Mario Draghi che, senza alcun dubbio, rappresenta la diretta emanazione del capitalismo finanziario.

Noi non ci uniamo al coro unanime del centro destra e del centro sinistra - scrive Antonio Currò, Segretario Circolo P. Impastato PRC Messina - impegnati in questi giorni a incensare la figura di Draghi, ergendolo senza meriti a salvatore della patria.

Ricordiamo con rabbia e indignazione la lettera della BCE all'Italia con cui, il 5 agosto 2011, i vertici entranti e uscenti ordinarono al Governo Berlusconi di demolire ancor di più lo stato sociale con misure devastanti, come ad esempio la riduzione della spesa pensionistica e del deficit pubblico (con riforma costituzionale); la riduzione degli stipendi del pubblico impiego; la demolizione sostanziale della sanità pubblica (con conseguenziale chiusura di presidi ospedalieri ecc.)

Ci basta ricordare alcuni punti di quella lettera e le ricadute economiche e sociali drammatiche verificatesi nei mesi a seguire per comprendere quanto oggi, con un'emergenza sanitaria che sta destando preoccupazione e apprensione in tutto il mondo, non sia sostenibile alcuna misura politica rigorista.

Siamo praticamente alle soglie di una larga alleanza politica apparentemente incompatibile, che raccoglie forze politiche di centrodestra e di centrosinistra, passando per la Lega, che sostanzialmente vorrà incidere sull’impiego delle risorse del Recovery Fund (ancora qualcuno spera testardamente sull’avvio dell’opera del Ponte sullo Stretto).

Oggi è necessario capire con quali forze politiche e sociali possiamo costruire una vera alternativa politica e sociale a questo pericoloso esperimento politico che tanto ci ricorda il Governo di Mario Monti. 

Per questo - conclude Currò - invitiamo tutte le forze in campo contro il neoliberismo a partecipare al confronto che vogliamo aprire con un sit-in che si terrà sabato 13 febbraio a piazza Unione Europea con il rispetto delle norme per la sicurezza e la salute di tutti i manifestanti".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione