Messina, gli agenti della Polfer denunciano uomo per combustione illecita di rifiuti

15 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

1 denunciato, 546 persone controllate in 64 diversi siti ferroviari, 22 i treni su cui è stato effettuato un servizio di pattugliamento, diverse sanzioni elevate e 100 agenti impiegati: è il bilancio dei controlli straordinari effettuati dalla Polizia  Ferroviaria in Sicilia nell’ambito della 1^  giornata Rail SAFE DAY dell’anno 2021.

I capillari controlli nelle stazioni, ai passaggi a livello e lungo la linea ferroviaria siciliana, sono stati finalizzati ad individuare i comportamenti impropri ed anomali come l’attraversamento dei binari o dei passaggi a livello chiusi, il superamento della linea gialla in attesa dei treni o la “moda” di compiere selfie estremi che, costituiscono un grave pericolo per chi li pone in essere, oltre a comportare una violazione al regolamento di Polizia Ferroviaria.

A Messina, gli agenti della Polfer, hanno denunciato un italiano per il reato di combustione illecita di rifiuti. I poliziotti hanno infatti notato del fumo proveniente da un ponte ferroviario cittadino e, recatisi immediatamente sul posto, hanno sorpreso l'uomo intento a bruciare la guaina di alcuni cavi di rame. Gli accertamenti svolti hanno evidenziato che non si trattava di rame in uso alle ferrovie o ad altre imprese di pubblica utilità ma riconducibile ad impianti elettrici dismessi da abitazioni civili. Il metallo, del peso di circa 11 Kg, è stato sequestrato così come l’accendino usato per bruciare i cavi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione