Corse clandestine e droga. Ecco la sentenza

19 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

di EDG - La sentenza di oggi pomeriggio ha messo il sigillo su un'inchiesta che ha svelato una storia divisa tra un'organizzazione che gestiva corse clandestine di cavalli e una lunga serie di traffici di droga. Si tratta di un'indagine dei sostituti della Dda Maria Pellegrino e Liliana Todaro per fatti che risalgono al 2013.

Ecco quindi la sentenza emessa dalla prima sezione penale (presidente Letteria Silipigni, a latere Simona Monforte e Rita Sergi) nei confronti dei venti imputati.

LE CONDANNE: Placido Bonna detto “Nino” è stato condannato a 5 anni di reclusione, all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e in stato di interdizione legale durane la pena (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Girolamo Stracuzzi a 8 anni e 6 mesi e 30mila euro di multa, all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e in stato di interdizione legale durane la pena (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Alessandro Duca detto “Sandro” soprannominato “Mandrillo” a 4 anni e 6 mesi e 2.500 euro di multa (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Marcello Fiore alla pena di 2 anni e 2 mesi; Stefano Marchese a 2 anni ma con il beneficio della sospensione condizionale della pena (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Domenico Batessa condannato a 10 mesi e 1.200 euro di multa; Francesco Turiano detto “Nino Testa” condannato a 1 anno di reclusione e 1.500 euro di multa; Mario Rello è stato condannato a 2 anni di reclusione e assolto dai reati di cui ai capi 3 e 4 perchè il fatto non sussiste e dai reati di cui ai capi 5, 13 e 14 per non aver commesso il fatto (prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica);.

Tutti gli imputati sono stati condannati anche al pagamento delle spese processuali.

LE ASSOLUZIONI: Giovanni Stracuzzi è stato assolto per non aver commesso il fatto e perchè il fatto non sussiste (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Carmelo Prospero assolto per alcuni capi e prescritto relativamente al capo 2 della rubrica (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Giuseppe Peschiera assolto per alcuni capi e prescritto relativamente al capo 2 della rubrica (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Vittorio Marino assolto per alcuni capi e prescritto relativamente al capo 2 della rubrica (e prescritto relativamente al reato ascritto al capo 2 della rubrica); Rosario Buscemi detto “Saro” assolto 'perchè il fatto non sussiste'; Orazio Bucolo assolto 'perchè il fatto non sussiste'; Pasquale De Benedetto detto “Lino” assolto 'perchè il fatto non sussiste'; Rosario Vinci assolto 'perchè il fatto non sussiste'; Antonino Lisi detto “Tonino” assolto 'perchè il fatto non sussiste'; Giuseppa Brigandì assolta 'perchè il fatto non sussiste'; Antonia Rizzo assolta 'perchè il fatto non sussiste'; Enrico Buda assolto 'perchè il fatto non sussiste'.

Hanno difeso i legali Andrè, Silvestro, Freni, Garufi, Duca, Gangemi, Donato, Puglisi Guerra, Barone e Pustorino.

Queste erano state invece le richieste formulate dall'accusa, oggi rappresentata dal pm Rende; si trattava complessivamente di 13 condanne e 7 assoluzioni: Placido Bonna, 4 anni; Girolamo Stracuzzi, 9 anni e 6 mesi più 76.000 euro di multa; Alessandro Duca, 11 anni e 90.000 euro di multa; Mario Rello, 2 anni; Stefano Marchese, 2 anni; Rosario Buscemi, 2 anni e 6 mesi; Enrico Buda, un anno e 6 mesi; Orazio Bucolo, un anno; Pasquale De Benedetto, un anno; Rosario Vinci, un anno e 6 mesi; Domenico Batessa, 2 anni; Francesco Turiano, 3 anni. Chiesta invece l'assoluzione totale per Giovanni Stracuzzi, Carmelo Prospero, Giuseppe Peschiera, Vittorio Marino, Antonino Lisi, Giuseppa Brigandì, Antonina Rizzo. Erano state poi richieste alcune assoluzioni parziali.

La parte più consistente dell'inchiesta, che ruotava tutta intorno a fatti accaduti in città nel 2013, ipotizza un'associazione a delinquere dedita all'organizzazione delle corse clandestine di cavalli.

Ne avrebbero fatto parte Placido Bonna, Girolamo Stracuzzi, Alessandro Duca, Mario Rello, Marcello Fiore, Stefano Marchese e Giovanni Stracuzzi. In concreto avrebbero creato un gruppo finalizzato «... allo svolgimento di competizioni non autorizzate di animali, nella quale Bonna Placido svolgeva funzioni direttive e organizzative, stabilendo la compravendita di cavalli da utilizzare nelle competizioni illecite; facendo sottoporre gli animali ad allenamenti e gare estenuanti; disponendo l'acquisizione e la somministrazione di trattamenti farmacologici con finalità non terapeutiche ed in modo pericoloso per la loro salute; reperendo locali per la loro scuderizzazione; impiegandoli in competizioni clandestine».

Per tutti gli altri l'accusa è di aver preso parte all'organizzazione criminale anche per «estenuanti allenamenti» dei cavalli, e Fiore anche per aver svolto «... sovente le funzioni di fantino nel corso delle competizioni organizzate». Questa contestazione dal punto di vista temporale è circoscritta ad una corsa che si sarebbe tenuta in prossimità del 7 luglio 2013.

C'è poi una contestazione che riguarda Buscemi, Buda, Bucolo e De Benedetto, legata al traffico illecito di rifiuti. Secondo l'ipotesi della Dda Buscemi come titolare di un'impresa di costruzioni si sarebbe avvalso di Buda come intermediario, Bucolo come dipendente e trasportatore, De Benedetto come compilatore «formulari attestanti falsamente lo sversamento dei rifiuti in siti autorizzati».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione