Mafia, Dia sequestra immobili affiliato a clan Giostra di Messina

19 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

La Dia sta eseguendo a Messina un provvedimento di sequestro emesso dal Tribunale di Messina – Sezione Misure di Prevenzione, che ha colpito due immobili nella disponibilità di Paolo Aloisio, già condannato nell’operazione “Totem” quale affiliato al clan Giostra“, capeggiato da Luigi Tibia, storicamente radicato nella zona nord della città.

Dalle indagini è emerso che Aloisio era incaricato dalla stessa organizzazione criminale alla detenzione e custodia di armi da fuoco. Tra i fatti contestati anche il suo coinvolgimento in un episodio estorsivo nei confronti di un imprenditore che era stato minacciato per impedirgli di partecipare alla gara per l’affidamento di una struttura turistico-balneare in località Mortelle sulla quale il clan aveva indirizzato i propri interessi.

Il Tribunale di Messina aveva già condannato Aloisio a 19 anni di reclusione. L’inchiesta condotta dagli investigatori della Dia ha permesso, inoltre, di evidenziare l’evidente sperequazione tra i redditi dichiarati e il patrimonio accumulato dall’indagato, oggetto dell’odierno sequestro, da ritenersi frutto o reimpiego dei proventi di attività illecite.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione