Truffa dei vaccini, il legale dell’intermediario messinese indagato a Perugia: “Ha agito correttamente. Pronti a chiarire”

20 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

“Io sono sereno, ma dato questo bubbone, tutto quello che sta succedendo, la risonanza mediatica, le indagini in corso e il riserbo che meritano, preferisco non parlare”. Il commercialista 49enne di Messina, G.S., indagato dalla Procura di Perugia per tentata truffa per aver proposto dosi di vaccini Astrazeneca alla Regione Umbria preferisce non entrare nel merito. Il suo avvocato spiega che prima la loro versione dovrà essere fornita al Procuratore, Raffaele Cantone, che nei giorni scorsi ha spedito i militari del Nas del colonnello, Giuseppe Schienalunga, alla struttura commissariale di Arcuri, all’Aifa e alla Regione Veneto per acquisire quanti più documenti possibile.

La storia dell’intermediario che ha portato all’apertura di uno dei primi fascicoli in Italia sul mercato parallelo dei vaccini è breve: alla direzione salute della Regione Umbria arriva la proposta del commercialista. La stessa inviata ad altre Regioni. All’epoca Astrazeneca non è nemmeno approvata. Scatta l’immediata segnalazione ai Nas. Che, su mandato della Procura, vanno a Messina a sequestrare cellulari, computer e documenti all’intermediario. Ieri la Procura ha nominato il consulente che li analizzerà.

Intanto l’avvocato Roberto Mete spiega: “Il mio cliente si difenderà nelle sedi opportune. Ma posso dire che crediamo di poter spiegare per quale ragione la proposta sia stata inoltrata in assoluta buona fede, nell'ambito dell’esercizio di una mediazione professionale per una convenzione privatistica”. E quando all’avvocato chiediamo perché allora AstraZeneca abbia disconosciuto il suo cliente, aggiunge: “Magari certo, l’azienda non conosce lui, ma lui lavora insieme a qualcuno che ha il mandato ad operare dall’azienda. Perché qui parliamo di case farmaceutiche che hanno i loro intermediari. Siamo a disposizione dei magistrati per chiarire tutto”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione