DRAMMA FAMILIARE A CASA DELL’EX ON. PANARELLO. SUICIDA IL FIGLIO

22 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

Grave lutto per l’ex deputato regionale Filippo Panarello. Il figlio Pietro, 40 anni, consigliere di ambasciata in Etiopia da un paio di anni, è stato trovato morto nella sua casa di Pistunina. Si sarebbe trattato di suicidio. Sul posto sono intervenuti gli uomini delle volanti della Polizia di Stato e la Scientifica per i rilievi.

Panarello è stato primo Segretario del Commercio e degli Affari Culturali dell’Ambasciata Italiana in Etiopia. Prima di trasferirsi in Africa viveva a Roma, dove aveva comprato una casa. Il padre Filippo Panarello, classe 1950, eletto nel collegio di Messina alla XVI legislatura, in carica dall’aprile 2008 al marzo 2013, e precedentemente alla XV, XIV e XIII legislatura. Nel luglio 2019 era stato nominato commissario provinciale del Partito Democratico ennese dalla Direzione Nazionale.

La famiglia di Filippo Panarello aveva subito anni fa la morte della giovanissima figlia Daria, stroncata da un male incurabile.

Parole di cordoglio sono arrivate attraverso i social, in particolare a opera di Giacomo Rota, segretario regionale della Cigl, il quale ha voluto “esprimere profonda tristezza” e stringersi accanto ai familiari.

Un pensiero, in queste ore, è giunto anche da parte dell’ex ministro per il Sud Peppe Provenzano: “Era tornato a Messina, a casa sua, per una pausa. Ieri, proprio dopo la notizia di Attanasio, ha scelto di togliersi la vita. Piango per i suoi genitori, un uomo e una donna giusti. Io lo voglio ricordare ragazzo, coltissimo, dolcissimo. Un ragazzo d’oro“.

Foto da archivio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione