Un malore e il decesso. Disposta l’autopsia sul corpo di Silvana Prestandrea

Di Orazio Leotta - Nizza di Sicilia - Vasto cordoglio ha suscitato nel centro ionico nizzardo l'improvvisa dipartita di Silvana Prestandrea, 45 anni il prossimo 25 marzo, molto nota nella comunità nizzarda nonostante la stessa non vivesse più a Nizza di Sicilia ma nel popoloso quartiere di Provinciale, a Messina.

La Prestandrea, volontaria della Croce Rossa Italiana, sprizzava vitalità e nulla faceva presagire un simile epilogo. Animatrice, una passione per il ballo, si spendeva per i più deboli, per i bambini e per gli anziani. Causa un improvviso malore veniva qualche giorno fa trasportata al Policlinico “Gaetano Martino” dove i sanitari non hanno fatto in tempo a prestare alcuna cura visto che in tempi rapidi la donna è andata in coma e, dopo due giorni, è spirata. Le autorità sanitarie, di iniziativa, hanno disposto l'esame autoptico sul corpo della giovane per capire la causa del decesso. Voci autorevoli parlano di uno o più aneurismi cerebrali che non hanno lasciato scampo alla nizzarda. Lascia il marito Michele Celetta, il figlio Agostino, la sorella e il cognato, questi ultimi due abitanti a Nizza di Sicilia, così come il papà e la mamma, operatrice scolastica in pensione. I funerali saranno celebrati a Messina, dopo di che la salma sarà tumulata a Nizza di Sicilia. FONTE: Gazzetta del Sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione