Posa della fibra ottica in via dei Mille, da oggi verrà salvaguardato il basolato lavico

11 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Dopo aver denunciato il danneggiamento al basolato lavico di via dei Mille da parte della ditta che si sta occupando di passare la fibra ottica in città, da oggi gli operai stanno provvedendo, sia in fase di rimozione che di ricollocamento, a salvaguardare le pietre dell’antico selciato. A darne notizia è il presidente dell’associazione “Millevetrine”, Sandro Penna, che era intervenuto in prima linea chiedendo spiegazioni al Presidente della VI Commissione consiliare Urbanistica, Biagio Bonfiglio, che a sua volta aveva interpellato l’Assessore Caminiti.

“Solo un’ultima annotazione allo sparuto gruppo di espertoni (ma in fondo erano uno su cento) che ha ritenuto doveroso precisare che la folle normativa in materia di ‘capitolato nazionale delle opere in esecuzione approvato dal Governo e dalle Direttive Europee non prevede il rifacimento del sottosuolo per tale tipologia di pavimentazione’ dovesse essere difesa, giustificata, accettata, per il solo fatto di esistere. No, caro ingegnere de noi artri, una norma scellerata non va né difesa né tollerata. Abbiamo fatto bene a segnalare lo scempio, e la buona politica, oltre ad ascoltarci, ci ha dato ragione”, ha commentato Sandro Penna.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione