MESSINA: Annullata l’ordinanza per Arrigo

12 Marzo 2021 Inchieste/Giudiziaria

Il Tribunale della libertà ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare emessa nell'ambito dell'operazione Plaza nei confronti di Angelo Arrigo. Al centro delle accuse è il bar Plaza di Giostra, ritenuto fittiziamente intestato ad Arrigo per aggirare le leggi di prevenzione patrimoniali e aiutare l'associazione mafiosa finalizzata al controllo del territorio. Arrigo per questi fatti è finito in carcere dopo un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip richiesta dalla procura per il reato di intestazione fittizia con l'aggravante dell'associazione mafiosa. Per contestare l'ordinanza cautelare avevano depositato nei giorni scorsi un'istanza ai giudici del Riesame i difensori di Arrigo, gli avvocati Giuseppe Lipera del Foro di Catania e Salvatore Silvestro del Foro di Messina. I quali all'udienza davanti il Tribunale della libertà «hanno dedotto tutta una serie di doglianze volte a dichiarare l'annullamento del provvedimento che ha applicato la misura cautelare di massimo rigore, depositando all'uopo un'articolata memoria scritta ove veniva eccepita la nullità del provvedimento per mancanza di motivazione». I giudici hanno dato ragione ai legali, ed hanno annullato l'ordinanza di custodia cautelare disponendo l'immediata scarcerazione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione