Etna, Lo Giudice chiede lo stato di crisi anche per i comuni messinesi che hanno subito dei danni

23 Marzo 2021 Politica

È stata depositata ieri mattina un’interrogazione parlamentare dal deputato regionale Danilo Lo Giudice, che chiede se il governo abbia provveduto attraverso gli uffici preposti a verificare e individuare quali altri comuni, oltre a quelli della provincia di Catania, abbiano subito danni a causa della cenere depositatasi (e a quantificare economicamente gli stessi) dopo i vari parossismi dell’Etna e la pioggia di lapilli dei mesi di febbraio e marzo.

“Gli eventi eruttivi dell’Etna dei giorni scorsi, hanno determinato una eccezionale e intensa pioggia di lapilli e cenere vulcanica fino a raggiungere anche la zona jonica del nostro territorio; l’ennesimo parossismo ha portato alla caduta di terra e pietre nere anche su Giardini Naxos, interessando anche la frazione di Trappitello a Taormina, i comuni di Gaggi, Francavilla, Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio, Santa Teresa di Riva e causando un forte disagio al traffico veicolare.”

“È indispensabile – conclude Lo Giudice – che il governo, visti gli eventi di Febbraio e quelli degli ultimi giorni, che hanno interessato anche i comuni della provincia di Messina, si attivi immediatamente affinché venga effettuata una ricognizione e si dia aiuto e sostegno anche ai comuni della fascia Jonica-messinese che si trova in questo stat odi disagio”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione