Pace del Mela, peculato in concessioni edilizie. Scattano due misure cautelari

Arresti domiciliari per un tecnico comunale ed interdizione a svolgere l'attività professionale per un ingegnere professionista, entrambi accusati dei reati di “induzione indebita a dare o promettere utilità” e di “peculato” per il rilascio di concessioni edilizie nel Comune di Pace del Mela. Sono scattate, per effetto del pronunciamento della Corte di Cassazione, che ha rigettato i ricorsi degli indagati, le misure cautelari richieste dal procuratore Emanuele Crescenti e dal sostituto Rita Barbieri e, accolte in seconda istanza dai giudici del Tribunale del riesame di Messina, nei confronti di Candeloro Antonio Franco Ragusa, 52 anni, nella qualità di geometra in servizio all'Ufficio tecnico del Comune di Pace del Mela, difeso dall'avvocato Giuseppe Lo Presti e dell'ingegnere Pietro Leone, 67 anni, di Monforte San Giorgio, difeso dall'avvocato Tommaso Calderone, considerato prestanome dello stesso Ragusa, il quale avrebbe agito nella qualità di tecnico e progettista di privati cittadini. RASSEGNAWEB - Fonte: Gazzetta del Sud - di Leonardo Orlando

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione