Detenuto aggredisce i poliziotti penitenziari prima nel carcere di Barcellona e poi all’ospedale “Papardo”

"Gravi e reiterati episodi di violenza da parte di un detenuto ristretto presso l'ottavo reparto della casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto". A renderlo noto è il segretario generale aggiunto dell'OSAPP, Domenico Nicotra, che rende note le avvenute e gravi violenze subite da alcuni poliziotti penitenziari in servizio presso il reparto della casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto.

"In particolare, prosegue il sindacalista dell'OSAPP, nel corso della notte dopo un primo episodio di violenza per il quale si è reso necessario il prolungamento del turno di servizio, un altro e ancor più grave episodio si è registrato presso l'ospedale Papardo di Messina dove il detenuto in questione, L. D. I., dopo esser stato sottoposto ad urgente intervento chirurgico al risveglio dall'anestesia ha devastato i locali ed aggredito i poliziotti penitenziari presenti con prognosi di oltre 20 giorni. È necessario, conclude il leader dell'OSAPP, provvedere con urgenza un'integrazione di organico per prevedere turni di servizio con personale sufficiente per garantire l'ordine e la sicurezza penitenziaria".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione