Sottoscritto accordo storico tra ​ Sindacati e Cas che chiude una lunga vertenza per i lavoratori. Soddisfazione di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, SLA Cisal e Lata

31 Marzo 2021 Cronaca di Messina

La ripresa del confronto tra sindacati e Consorzio Autostrade Siciliane all'indomani della trasformazione dell'ente in pubblico economico porta subito ad una svolta storica con il riconoscimento tra le parti dell'applicazione del contratto nazionale delle autostrade e dei trafori. Dopo tanti anni in cui la diatriba nell'applicazione del Contratto di categoria ha portato numerose azioni di sciopero dei lavoratori del consorzio oggi le parti sanciscono l'apertura di un nuovo percorso di concertazione a tutela dei diritti dei lavoratori. Le parti hanno reciprocamente preso atto che i lavoratori hanno diritto all'applicazione del contratto delle Autostrade e dei trafori e le organizzazioni sindacali hanno richiesto che ogni diritto maturato e trattamento di miglior favore vigente venga garantito al lavoratore vista la persistenza delle condizioni organizzative aziendali che ne hanno determinato originariamente la concessione. Pertanto nelle more del percorso di armonizzazione con una nuova eventuale contrattazione aziendale di secondo livello da concordare tra le parti, sindacati e Cas hanno condiviso l'apertura di un nuovo importante capitolo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione