Inchiesta dati Covid, Volt Sicilia chiede l’invio di ispettori ministeriali: «A quanto ammonta il costo in vite umane?»

2 Aprile 2021 Politica

«L’accusa di falsificazione dei dati pandemici rivolta ai massimi livelli della Sanità siciliana è solo una delle tante ombre che si annidano nell’Amministrazione Musumeci. Le dimissioni (dovute) di Ruggero Razza e la sua assenza (inaccettabile) in aula all’ARS mostrano una politica alla deriva che fugge costantemente dalle proprie responsabilità». Così in una nota Manfredi Cascino, Coordinatore di Volt in Sicilia, che interviene in merito all’inchiesta sui dati epidemiologici nella Regione.

«Se le accuse si dimostreranno vere – commenta – abbiamo davanti ben più di uno scandalo che si risolve con la caduta di un Assessore. Quale è stato (e quale sarà) il costo in vite umane? Alla Magistratura il compito gravoso di accertare, in via definitiva, eventuali responsabilità personali. Al Ministro della Salute Roberto Speranza, cui il partito Volt chiede l’invio immediato degli ispettori ministeriali, il dovere di mettere effettiva chiarezza sui dati disaggregati: positivi, morti e posti letto disponibili. Solo avendo contezza della realtà dei dati si potranno individuare le azioni da intraprendere. Non bastano più le lapidarie dichiarazioni costantemente offerte dal Presidente Nello Musumeci. Ogni cittadino merita quella trasparenza che questa Giunta non ha mai concesso. Siciliane e siciliani sono stanchi di subire gli effetti deplorevoli di una politica che ha il solo merito di soffocare una terra meravigliosa e tutta la sua comunità, che quella stessa terra la ama e la vive fino in fondo».

«Appare sempre più evidente che Nello Musumeci e la sua Giunta abbiano fallito – dichiara invece Flavio Fucà, Coordinatore regionale – e che sia ormai necessario sostituire questa classe politica totalmente inadeguata. La Sicilia merita di meglio».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione