“Portiamo le imprese fuori dalla pandemia”. Al via domani la mobilitazione di Confesercenti

6 Aprile 2021 Cronaca di Messina
Richieste di incontro ai presidenti di Regione, Ars e Anci Sicilia e lettere ai singoli deputati regionali e nazionali eletti sull’Isola, per avviare concretamente la ripartenza attraverso un pacchetto di proposte precise e dettagliate.
L’invio partirà domani da Confesercenti Nazionale e contemporaneamente da tutte le
sedi provinciali nell’ambito di “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia”, la giornata di mobilitazione indetta in tutta Italia per dare voce, attraverso iniziative in tutte le regioni, alle necessità e alle richieste delle attività economiche: sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di riaprire in sicurezza.
Si tratta di una protesta “a distanza”. Nessuno scenderà in piazza, ma in modo capillare saranno coinvolti tutti, non solo gli imprenditori, ma anche i politici, attraverso le mail che saranno loro inviate.
Da domani 7 aprile, inoltre, su www.confesercenti.it sarà possibile aderire alla petizione popolare lanciata da Confesercenti attraverso change.org, che contiene una serie di proposte su sostegni, fiscalità, credito alle imprese, riaperture. Sempre domani, le aziende aderenti esporranno in vetrina un manifesto contenente le ragioni della protesta.
“La crisi nazionale generata dal COVID nei confronti di una gran numero di
comparti economici-commenta il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella
- ha trovato nel già debole tessuto economico delle imprese del nostro territorio un amplificatore delle conseguenze che oggi appaiono devastanti. Le zone ultra rosse causate anche dalle incertezze registrate in materia di contact tracing tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, hanno poi generato quello che potremmo definire la ‘tempesta perfetta’, che ha letteralmente travolto e portato sull’orlo del naufragio le imprese messinesi. Già nei giorni scorsi in un incontro con il prefetto Di Stani abbiamo anticipato i contenuti della petizione che verrà avviata domani. Adesso è arrivato il momento per coloro che ci governano di assumersi le responsabilità di quanto sta accadendo. Occorre creare le condizioni per le riaperture rispettando i protocolli di sicurezza, ma bisogna fare in fretta, o il sistema economico messinese, in cui le piccole e medie imprese giocano un ruolo determinante, crollerà miseramente”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione