Operazione Nebrodi, decisi oltre cento rinvii a giudizio per i clan dei Nebrodi

18 Dicembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

La mafia dei pascoli, che ha drenato dieci milioni di euro dalle casse dell'Agea e dell'Unione Europea, rubando allo Stato, va alla sbarra. Il sigillo giudiziario è arrivato poco dopo le due del pomeriggio di ieri, quando il gup Simona Finocchiaro a conclusione della maxi udienza preliminare “Nebrodi”, all'aula bunker, ha letto il lungo dispositivo con cui per il troncone principale ha deciso 97 rinvii a giudizio e 18 stralci. L'inizio del processo è stato fissato per il 2 marzo del 2021 davanti al Tribunale di Patti, ma per ragioni logistiche si svolgerà nell'aula bunker di Messina. L'esito finale è frutto di una serie di udienze che si sono tenute negli ultimi due mesi, e che avranno un'appendice a gennaio per i 7 imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Si chiude così il cerchio sulle 133 persone che erano coinvolte inizialmente, numero che si è ridotto a 115 per i riti alternativi, i 4 patteggiamenti (Giuseppe Condipodero Marchetta, Antonino Russo, Enza Tindara Parisi e Marco Merenda), e alcuni stralci decisi in precedenza per problemi di notifiche. L'accusa rappresentata dal procuratore aggiunto Vito Di Giorgio e dai sostituti della Dda Fabrizio Monaco, Antonio Carchietti e Francesco Massara, che si sono alternati in aula in queste settimane, aveva chiesto alle udienze scorse il rinvio a giudizio per tutti gli imputati che avevano scelto il rito ordinario, e l'ha ottenuto, con la conferma totale del quadro accusatorio prospettato. Parecchie le parti civili nel procedimento: l'imprenditore Carmelo Gulino, l'unico privato a costituirsi, il Parco dei Nebrodi, Addiopizzo Messina, l'Aciap di Patti e l'Acis di Sant'Agata Militello, la “Rete per la legalità” di Barcellona, Sos Impresa, Solidaria, la A.o.c.m., del comprensorio del Mela, la Fai Federazione antiracket italiana, e l'assessorato regionale al Territorio e ambiente. La maxi operazione “Nebrodi”, coordinata dal procuratore Maurizio de Lucia, è scattata a gennaio con 94 arresti, 48 in carcere e 46 ai domiciliari. I reati: associazione di stampo mafioso, danneggiamento a seguito di incendio, uso di sigilli e strumenti contraffatti, falso, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, truffa aggravata. Le indagini dei carabinieri del Ros hanno ricostruito il nuovo assetto del clan dei Batanesi a Tortorici. C'è poi un altro filone d'indagine condotto dalla Guardia di Finanza che si è concentrato sulla costola del clan dei Bontempo Scavo. È emersa un'associazione mafiosa molto invasiva, capace di rapportarsi, nel corso di riunioni tra affiliati, con organizzazioni mafiose di Catania, Enna, e con il mandamento delle Madonne di Cosa nostra palermitana. Gli investigatori hanno accertato, a partire dal 2013, la percezione di erogazioni pubbliche in agricoltura per oltre 10 milioni di euro.

ANTOCI: La giustizia farà il suo corso 

“Per anni – ha dichiarato Antoci – tutto rimaneva sotto traccia e mentre ciò accadeva, nel silenzio e nella paura di tutti, le famiglie mafiose introitavano milioni di euro nei loro conti correnti. Tutti incredibilmente soldi pubblici. Adesso la Giustizia farà il suo corso e il Processo restituirà, certamente, dignità e coraggio ad un territorio che non meritava di essere tenuto sotto scacco da questi personaggi”. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione