7 Ottobre 2021 Giudiziaria

MAFIA, LA CONDANNA PER CATTAFI: GIULIA SARTI (M5S), ‘RESTITUITA GIUSTIZIA”

“Durante il question time del 15 luglio in #Commissione Giustizia avevo denunciato alla Ministra Cartabia il gravissimo ritardo accumulatosi nella trattazione del procedimento a carico di Rosario Pio Cattafi. Finalmente, dopo più di quattro anni e mezzo, tra rinvii e pandemia, con il rischio prescrizione dietro l’angolo, la Corte d’Appello di Reggio Calabria ha emesso la tanto attesa sentenza del processo “Gotha 3” nei confronti del pregiudicato barcellonese, che era considerato un punto di riferimento nella potentissima cosca mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina): una sentenza di condanna che conferma la sua responsabilità mafiosa fino a marzo del 2000 e ridetermina la pena in sei anni di reclusione”. Commenta così, in un post su Facebook, la sentenza di Reggio Calabria l’onorevole dei Cinque Stelle Giulia Sarti.

“La fedina penale di Cattafi conta condanne passate in giudicato per i reati di lesioni, porto e detenzione abusivi di arma e calunnia. Inoltre – continua la deputata – è stato indagato o imputato in procedimenti per reati gravissimi, quali sequestro di persona, associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, omicidio, traffico internazionale di armamenti, concorso nella strage di Capaci e di Via D’Amelio, associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico. Non solo: il nome di Cattafi è entrato anche nelle indagini sull’omicidio del Procuratore di Torino Bruno Caccia e del medico Attilio Manca, casi di cui si è occupata la Commissione #Antimafia di cui facevo parte”.

“Questa condanna – conclude l’onorevole del M5S – restituisce #Giustizia a tutte quelle vittime che sono state toccate dalle azioni criminali di questo personaggio, tanto pericoloso quanto oscurato dai media nazionali.