3 Dicembre 2021 Attualità

Messina, la morte del neonato in autostrada: “Riforma sanitaria cieca”

L’inchiesta servirà a far chiarezza sui contorni della vicenda, ma sul tavolo restano tutti i nodi di una scelta politica e di politica sanitaria che non ha scusanti. E non si placano le polemiche su quanto accaduto giovedì pomeriggio quando una donna, 37 anni, alla 27esima settimana di gestazione, in preda ai dolori del travaglio, è partita da Mistretta per raggiungere l’ospedale più vicino, a Patti, ma, in autostrada, all’altezza di Santo Stefano di Camastraha partorito. Il bimbo appena nato ha perso poco dopo la vita nonostante fosse stato soccorso dal personale di
un’ambulanza. La donna è stata trasferita all’ospedale di Patti.