10 Gennaio 2022 Giudiziaria

Messina, 22 anni di carcere all’untore sieropositivo che nascose la malattia alla compagna

Ventidue anni di carcere. Si conclude così in primo grado il processo per l’untore sieropositivo di Messina che ha contagiato alcune sue compagne ed era accusato di averne uccisa una, nascondendo la sua malattia. Si tratta del 57enne messinese Luigi De Domenico, secondo la Procura affetto da Hiv, accusato d’omicidio volontario per aver infettato la compagna, poi deceduta tra atroci sofferenze, l’avvocatessa messinese S.G., spirata nel luglio del 2017 a 45 anni. La donna non fu curata per l’Aids contratto dal partner, patologia che non fu mai diagnosticata, e per questo aspetto c’è una seconda inchiesta a carico dei medici che la seguirono durante la malattia.