VADE RETRO SINATRA!

16 Gennaio 2008 Mondo News

Tra un provvedimento e l`altro, tra una delibera e un`incontro con i rappresentanti sindacali, il Commissario straordinario di Messina Gaspare Sinatra trova anche il tempo per pensare alla "religione".

Certo forse non proprio alla dottrina e alle preghiere (non è escluso che lo faccia), ma per scrivere una letterina indirizzata al Papa.

Nel testo trasmesso all`Arcivescovo di Messina mons. Calogero La Piana, ed indirizzato al Santo Padre Benedetto XVI, il "cattivo" di Addis Abeba, ha manifestato solidarietà  al Pontefice per le vicende di questi giorni in rapporto alla Sua visita all`Università  degli Studi La Sapienza di Roma.

Questo il testo del messaggio inviato da Sinatra:

"Santità , adempio con consapevole trepidazione al dovere di esprimerLe la personale incondizionata vicinanza, in un momento in cui viene manifestata nei confronti del Pontefice, intolleranza antidemocratica e chiusura culturale, non degne di un Paese progredito, di tradizione cattolica ed ove il seme della tolleranza e del rispetto delle altrui idee, ha sempre germogliato.Santità  Vostra, queste considerazioni sono le espressioni di un cattolico ma vogliono anche riunire quelle del rappresentante istituzionale della Comunità  di Messina, terra in cui l`Apostolo Paolo, tornando dall`Oriente, piantò la Croce del Redentore, da cui generarono durevoli tradizioni cristiane e civili. Ed è per questo che, tramite le parole del Commissario regionale, la Comunità  messinese desidera confermare la fiducia riposta nella Sua guida spirituale e nel Suo impegno pastorale, considerandoLa insostituibile punto di riferimento per tutte le componenti della società  della comunità  peloritana. La dottrina della Chiesa, che ha ispirato anche la nostra personale esperienza, ma anche il magistero di Benedetto XVI, sono certo continueranno a contribuire ad aiutare le nuove generazioni ad intendere meglio la vita, consolidando quel senso di responsabilità  che riassume il significato profondo di un impegno sostanziale nei confronti della società  di oggi, che cattolici e laici dovranno comunque perseguire. Grazie, Padre Santo, a nome mio e di tutta la città  di Messina`.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione