A Guantanamo il primo processo a un bambino soldato

7 maggio 2008 Mondo News

Omar Khadr, oggi 21enne, sara` il primo bambino soldato a essere processato per crimini di guerra dai tempi di Norimberga. Domani comparira` davanti al giudice nel carcere militare Usa di Guantanamo, a Cuba, per l`udienza preliminare, in cui verra` fissata la data del processo. La scorsa settimana, un giudice militare di Guantanamo, il colonnello Peter Brownback, ha respinto la richiesta di annullare i capi di imputazione contro l`unico cittadino canadese detenuto a Guantanamo, catturato in Afghanistan quando aveva solo 15 anni. Sospettato di essere un membro di al Qaida, Khadr e` accusato di aver ucciso un soldato Usa con una granata. I capi di imputazione di cui sara` chiamato a rispondere sono omicidio, tentato omicidio, complotto, sostegno al terrorismo e spionaggio. I legali del ragazzo sostengono che Khadr dovrebbe essere trattato come una vittima e sottoposto a un processo di riabilitazione, piuttosto che essere processato come un criminale di guerra. “Omar aveva appena 15 anni quando e` stato arrestato dopo uno scontro durato quattro ore a Khost, in Afghanistan – ha dichiarato il suo avvocato, il comandante William Kuebler – e` accusato di aver lanciato in battaglia una granata che ha ucciso un soldato americano, tuttavia le prove presentate in questi ultimi mesi sollevano seri dubbi sulle accuse del governo”. Per l`avvocato l`”ultima speranza” rimane il Canada, e ha sollecitato le autorita` di Ottawa a richiedere il rimpatrio del giovane, come gia` fatto per altri prigionieri occidentali. “Perche` Omar possa ricevere un processo regolare, in questa fase servirebbe che Canada seguisse l`esempio di Regno Unito, Francia, Australia e tutti gli altri paesi occidentali, chiedendo la sua liberazione da Guantanamo e la sua traduzione davanti alla giustizia canadese”, ha detto il legale. “Non si tratta di dare a questo giovane una seconda possibilita`, perche` non ne ha mai avuta una”, ha aggiunto. Cinque associazioni di legali britannici hanno chiesto al premier canadese, Stephen Harper, di rimpatriare Khadr. Stando a quanto ricordato oggi dal quotidiano britannico, diverse organizzazioni per i diritti umani hanno denunciato il trattamento riservato a Khadr a Guantanamo dove, fin dal suo arrivo, sei anni fa, e` stato rinchiuso nella sezione riservata agli adulti, piuttosto che a Camp Iguana, dove si trovano i minori, e non ha mai avuto accesso a corsi scolastici. Il mese scorso, gli agenti di custodia gli hanno sequestrato anche il libro-sceneggiatura `Il signore degli anelli`, perche` non faceva parte dei documenti legali relativi alla sua difesa. Il suo avvocato ha ammesso di averglielo dato perche` voleva costruire un rapporto personale con il detenuto.