16 Giugno 2008 Senza categoria

AMMINISTRATIVE MESSINA (O BULGARIA) 2008: PREVEDIBILE PLEBISCITO PER NANNI RICEVUTO (PDL), NUOVO PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. LE NOSTRE FOTO

IL NUOVO PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA NANNI RICEVUTO (PDL)
RICEVUTO (80%) STACCA SIRACUSANO (18%) – Le prime proiezioni danno Ricevuto vincente. Si vedono volti noti della politica messinese: Luciano Ordile, Paolo Piccione e Turi Rizzo, esperto durante l`Amministrazione Genovese. I primi dati ufficiali lo danno vincente su Paolo Siracusano. Le proiezioni dalla sua segreteria, addirittura, lo vedono trionfare senza concorrenti. Per Nanni Ricevuto è già  festa. Settanta bottiglie di spumante pronte ad essere stappate nella sua segreteria dalla quale vanno e vengono volti noti della politica messinese. Per il candidato del Pdl si profila una vittoria ampiamente preventivata, ma forse numericamente non così schiacciante. Le proiezioni sono implacabili: 80% in provincia e 67% in città  (da normanno.it)

L`INTERVISTA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA RICEVUTO
Le prime parole di Nanni Ricevuto, seppur dopo la comunicazione di dati parziali, sono quelle del nuovo presidente della Provincia di Messina. Che la matematica lo supporti o meno lui ha già  preso possesso della sua poltrona di Palazzo dei Leoni e alle domande risponde già  parlando di futuro. I suoi già  lo chiamano “Ricevutosky” per la percentuale bulgara che ha distinto la sua vittoria. Lui ride: “Buona questa!“. “Ci speravo in questo risultato – commenta Ricevuto – è una risposta adeguata a chi ha creduto nella mia candidatura“. Evidente il riferimento alle polemiche che hanno animato, in seno al centrodestra, la scelta del candidato alla poltrona di Presidente della Provincia, che lo vedeva in competizione con Carmelo Lo Monte dell`Mpa. “Evidentemente – aggiunge – il mio nome determina ancora simpatia e credibilità “. Ma Nanni Ricevuto, dopo aver espresso viva soddisfazione per il brillante risultato che si profila all`orizzonte, parla già  del futuro. “Contestualmente al Ponte, realizzeremo numerose infrastrutture che insisteranno sull`Area dello Stretto. Da Gioia Tauro a Reggio Calabria a Messina, daremo vita ad un`area di sviluppo integrata. Al centro ci saranno gli aeroporti di Reggio e del Mela, la cui realizzazione è prevista dal nostro programma“. Alla domanda sui fondi che verranno utilizzati per concretizzare le opere previste risponde: “Le faremo con i finanziamenti dei prossimi POR e CIPE“. Sull`assenza di un sito di stoccaggio dei rifiuti a Panarea, dice, “studierò la situazione e come risolverla“. “Sarà  una presidenza in cui cercherò di essere il punto di riferimento per tutta la provincia come interlocutore con i governi regionale e nazionale“. Ricevuto parla poi di edilizia scolastica, un ambito in cui, commenta ironicamente “può bastare il rapporto privilegiato col massimo responsabile, di cui sarò attento interlocutore“. “La prima riunione di Giunta si terrà  alle Eolie, poi saremo a Tusa e Alcantara. Tutto entro la prima settimana. Insomma – conclude Ricevuto – non sono Zorro ma l`esperienza di certo non mi manca. La macchina burocratica si velocizzerà , perchè sarà  lei a seguire i nostri ritmi e non viceversa“. Arrivano poi le dichiarazioni di Pinella Aliberti, assessore designato della Giunta Ricevuto che confessa di non avere ancora idea della delega “anche perchè c`è da definire la seconda metà  della squadra di governo“. Commentando il dato parziale di Buzzanca, 52,49, e quindi vittoria al primo turno senza ballottaggio, quando sono state scrutinate solo sette sezioni, dichiara laconica: “Io ci spero“.

Voto in Sicilia: centrodestra a valanga
PALERMO
– Il centrodestra si aggiudica a larghissima maggioranza le elezioni provinciali in Sicilia: otto province su otto finiscono all`alleanza formata da Pdl, Mpa, Udc e liste locali. Nonostante siano stati scrutinati circa il 10% dei seggi, la maggioranza per il centrodestra è tale (percentuali oscillanti tra il 60 e il 75%, eccetto la provincia di Enna con il 55%), che il risultato non pare essere in discussione.
â–  Tutti i risultati – Provinciali
â–  Tutti i risultati – Comunali
PROVINCIALI – Nella provincia di Palermo si profila la probabile vittoria di Giovanni Avanti, a Messina successo di Nanni Ricevuto, a Catania trionfa Giuseppe Castiglione. Nella provincia di Siracusa vince Nicola Bono, ad Agrigento partita facile per Eugenio D`Orsi, mente un po` più difficile a Enna per Giuseppe Monaco. A Caltanisetta vince Giuseppe Federico, infine a Trapani si aggiudica il successo Mimmo Turano.
COMUNALI – Nei tre capoluoghi di provincia dove si votava (Catania, Messina e Siracusa) lo spoglio delle schede inizierà  dopo la fine degli scrutini per le provinciali.
VOTANTI – Deciso il calo dei votanti: complessivamente sono stati il 55,54%, con un calo dell`8,92%. Ma nella provincia di Palermo sono andati alle urne solo il 41% degli aventi diritto, con un calo di 20 punti netti rispetto alle provinciali precedenti. Affluenza ferma in Sardegna: 74,7%, la stessa del turno precedente. In Sardegna si è votato in 34 Comuni per un totale di 112.167 elettori. Ad Assemini, unico Comune con oltre 15 mila elettori, ha votato il 60,5% contro il 69,4% delle precedenti amministrative.