MESSINA: Si terrà il 28 gennaio l'inaugurazione dell'Anno giudiziario

17 gennaio 2012 Cronaca di Messina

La data fissata è il 28 gennaio. È sarà l’ennesima inaugurazione dell’Anno giudiziario nel corso della quale tutti, a cominciare dal primo presidente della Corte d’appello Nicolò Fazio, elencheranno gravi problemi, ritardi enormi, carenze d’organico. Un’inaugurazione che cade in un periodo parecchio buio per il nostro distretto giudiziario, all’indomani dello “scippo” dei magistrati assegnati in un primo tempo a Messina dal Csm per colmare i vuoti d’organico e poi dirottati in parte in altre sedi, per il solito gioco deteriore delle correnti all’interno della magistratura. Uno “scippo” denunciato a gran voce dal presidente del Tribunale Giovambattista Macrì in tutte le sedi. Proprio nei giorni scorsi il presidente Macrì è stato sentito dal Csm su questa questione. Rimaniamo il distretto giudiziario italiano con la più alta scopertura d’organico per quel che riguarda i magistrati. All’inaugurazione del 28 gennaio, ed è la seconda volta dopo tanti anni, non accadeva comunque da molto tempo, non verrà un membro del Csm ma un componente dell’Ufficio studi, come dire una scelta di “basso profilo” dell’organo di autogoverno, forse dovuta proprio allo “scippo” dei magistrati. E il ministero della Giustizia non ha ancora designato nessuno per la cerimonia, lo farà nei prossimi giorni. Per altro verso in Corte d’appello si sono insediati in queste settimane due nuovi magistrati: Giuseppe Martello, che proveniva da Barcellona ed è andato alla seconda sezione civile, e Maria Angela Nastasi, ex coordinatore dell’Ufficio gip a Messina, che è andata alla sezione penale. Tra marzo e giugno sempre in appello arriveranno altri tre magistrati: il sostituto procuratore di Reggio Calabria Francesco Tripodi, il giudice in servizio a Barcellona Maria Rita Gregorio, e il giudice in servizio a Messina Bruno Sagone.(n.a.)