MAFIA: POLIZIA CHIUDE ATTIVITA' COMMERCIALI DI INDAGATI A PALERMO

30 gennaio 2012 Mondo News

Sospese a Palermo dalla polizia varie attivita’ commerciali gestite o riferibili a persone coinvolte nelle indagini dell’operazione antimafia “Araba fenice”. In particolar, il questore ha emesso quattro provvedimenti interdittivi per attivita’ di ristorazione e bar, e tre revoche di licenze di polizia in tema di giochi e scommesse sportive. E’ stata inoltre rigettata una richiesta di licenza per carenza dei requisiti soggettivi. I provvedimenti di sospensione sono stati notificati ai titolari dei ristoranti “Franco Testaverde” di via Castelforte, “Alla corte dei Normanni” di via Catullo, e “Villa Pensabene” di via Patti. Le licenze di Ps sono state notificate a un distributore di apparecchi elettrici ed elettronici da gioco di via Mariano Smeriglio, e al titolare di una sala giochi di via Tommaso Natale al quale e’ stata revocata inoltre una licenza di installazione di apparecchi terminali per le comunicazioni anche telematiche. La Squadra Amministrativa della questura ha effettuato pure controlli che hanno portato alla segnalazione di sette persone per trattenimenti danzanti abusivi che si tenevano nei locali “Primo” di via Cavour, “Le Terrazze di Cavour” di via Giovanni Lucifera, “Cotton Club”, di una persona per avere falsamente attestato il corretto montaggio del palco per uno spettacolo di capodanno organizzato dal Comune, e infine del titolare della sala giochi ubicata di via Sacco e Vanzetti per somministrazione abusiva di bevande e alimenti. Sequestrato un videogioco fuorilegge. (AGI)