Incidente A/20: Indagati quattro funzionari del Cas. Si tratta di funzionari e dirigenti del Cas che a vario titolo erano responsabili gerarchici o della tratta in questione: Letterio Frisone, Gaspare Sceusa, Carmelo Cigno e Antonino Spitaleri

12 ottobre 2012 Cronaca di Messina

A un anno di distanza da quella tragedia che costò la vita“Nino” La Rosa, 71 anni, originario di Milazzo ed Elia “Lillo” Malara, 78 anni, di Lipari, c’è da registrare la chiusura dell’indagine da parte del sostituto procuratore Fabrizio Monaco sull’incidente, e sono quattro gli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Si tratta di funzionari e dirigenti del Cas che a vario titolo erano responsabili gerarchici o della tratta in questione: Letterio Frisone, Gaspare Sceusa, Carmelo Cigno e Antonino Spitaleri. L’ipotesi di reato prefigura l’omicidio colposo nella fattispecie omissiva, ovvero lo mancata collocazione di una barriera idonea in quel punto e soprattutto, come ha chiarito una perizia tecnica disposta dal magistrato, la presenza non adeguatamente “protetta” dell’albero contro cui andò a cozzare violentemente l’auto. Una situazione di pericolo potenziale che poco tempo prima era stata segnalata a quanto pare proprio in un rapporto della polizia stradale. All’epoca sull’asfalto la Polstrada rilevò i segni evidenti della frenata di un mezzo pesante con il quale la Mazda si sarebbe scontrata o comunque sarebbe entrata in qualche modo in contatto.