IL PROCESSO 'CORSI D'ORO 2' SULLA FORMAZIONE E IL 'SISTEMA GENOVESE': NUOVA UDIENZA LUNEDI' SCORSO. ASCOLTATI DIVERSI FUNZIONARI DI BANCA. UN TESTE, "I TENDAGGI DELLA VILLA A GANZIRRI VENIVANO FATTURATI ALLA CALASERVICE"

9 dicembre 2015 Inchieste/Giudiziaria

genovese

RASSEGNAWEB – NUCCIO ANSELMO – NUOVA UDIENZA (LUNEDI’ 7  DICEMBRE, NDR) DEL PROCESSO ‘CORSI D’ORO 2′, CON GENOVESE CHE SI E’ REGOLARMENTE PRESENTATO IN AULA ED HA ASSISTITO A UNA NUOVA SFILATA DI TESTI, IN QUESTO CASO INTERROGATI DAL PM FABRIZIO MONACO E DALL’AVVOCATO ALESSANDRO BILLE’ CHE LI AVEVA CITATI E CHE ASSISTE LA SUA EX SEGRETARIA CETTINA CANNAVO’. PRIMA SONO SFILATI UNA SERIE DI FUNZIONARI DI BANCA CHE HANNO AVUTO IN PASSATO RAPPORTI CON LA CALASERVICE SRL, ‘CASSAFORTE ECONOMICA’ DI GENOVESE. ALCUNI SULLE PRIME SONO RIMASTI UN PO’ ‘ABBOTTONATI’ SUI RAPPORTI ECONOMICI, MA ANCHE IN QUESTO AMBITO CI SONO COMUNQUE DELLE INTERCETTAZIOONI MOLTO CHIARE SUL TENORE DI QUESTI RAPPORTI. IN SOSTANZA IL FILO CONDUTTORE COMUNE DELLE TESTIMONIANZE E’ STATO CHE IN PIU OCCASIONI I FUNZIONARI DI BANCA ANDAVANO A SENTIRE GENOVESE DIRETTAMENTE NELLA SUA SEGRETERIA POLITICA SULLE OPERAZIONI BANCARIE DA METTERE IN ATTO POI ERA LA SUA EX SEGRETARIA CANNAVO’, COME RAPPRESENTANTE FORMALE, A SIGLARE CON LA SUA FIRMA IL TUTTO. SUBITO DOPO I FUNZIONARI DI BANCA SENTITI – NON TUTTI QULCUNO CHE IERI NON C’ERA VERRA’ ASCOLTATO ALLE PROSSIME UDIENZE -, C’E’ STATA LA TESTIMONIANZA DI UN TAPPEZZIERE CHE HA ESEGUITO UNA SERIE DI LAVORI NELLA VILLA DEL PARLAMENTARE A GANZIRRI, TRA TENDAGGI, DIVANI E POLTRONE DA SISTEMARE O CREARE EX NOVO. SOLLECITATO DALLE DOMANDE DEL PM MONACO E DELL’AVVOCATO BILLE’ L’ARTIGIANO NON HA AVUTO ALCUNA DIFFICOLTA’ AD AMMETTERE DI AVER ESEGUITO UNA SERIE DI LAVORI NELLA VILLA E DI AVER PERO’ INTESTATO E RELATIVE FATTURE NON A GENOVESE MA ALLA CALASERVICE SRL, NONCHE’ DI ESSERE STATO PAGATO DALLA EX SEGRETARIA DEL PARLAMENTARE, DALLA CANNAVO’. SI RICOMINCIA CCON GLI ALTRI TESTI IL 21 DICEMBRE, POI DOPO LA PAUSA NATALIZIA SI RIPRENDE IL 12 GENNAIO. TRATTO DA GAZZETTA DEL SUD DELL’8 DICEMBRE