ECCO TUTTI I NOMI DEGLI INDAGATI – MESSINA, L'INCHIESTA CHE FA TREMARE IL CAS: I PAGAMENTI DEI BONUS FINO AL 2013, 56 INDAGATI. IPOTIZZATI I REATI DI TRUFFA E FALSO. AGLI ATTI INTERCETTAZIONI AMBIENTALI E TELEFONICHE

1 Giugno 2016 Inchieste/Giudiziaria

CAS

UN NUOVO TERREMOTO GIUDIZIARIO COLPISCE IL CAS, IL CONSORZIO AUTOSTRADE SICILIANE. COME RIPORTA OGGI IL QUOTIDIANO LA GAZZETTA DEL SUD A FIRMA NUCCIO ANSELMO, SONO 56 GLI INDAGATI DELL’INCHIESTA SUGLI INCENTIVI AI DIPENDENTI COORDINATA DAL SOSTITUTO STEFANIA LA ROSA. GLI INVESTIGATORI DELLA SEZIONE OPERATIVA DELLA DIA AVREBBERO SCOPERTO UN BUCO DI MILIONI DI EURO NELLE CASSE DELL’ENTE. I REATI IPOTIZZATI SONO TRUFFA E FALSO, NELLA FATTISPECIE DEL PUBBLICO UFFICIALE IN ATTI PUBBLICI. E’ LA TERZA TRANCHE DELL’INCHIESTA ‘TEKNO’ CHE NEL MARZO DEL 2015 PORTO’ A 10 ARRESTI TRA FUNZIONARI, DIRIGENTI E IMPRENDITORI PER TURBATIVA D’ASTA, INDUZIONE INDEBITA A DARE O PROMETTERE UTILITA’, ISTIGAZIONE ALLA CORRUZIONE E CORRUZIONE. AL CENTRO DELLE VERIFICHE AVVIATE DA OLTRE UN ANNO, PER UNA SERIE DI INCENTIVI CHE VENNERO ASSEGNATI DAI PRECEDENTI VERTICI DEL CONSORZIO, E TEMPORALMENTE SI SPINGONO FINO AL SETTEMBRE DEL 2013, CI SONO UNA SERIE DI ELARGIZIONI AI DIPENDENTI. SI TRATTA DEI COSIDDETTI INCENTIVI PROGETTUALI RELATIVI AI LAVORI DA REALIZZARE, STABILITI DAI PIANI TRIENNALI APPROVATI DAL CAS, E ASSEGNATI IN BASE ALLE VARIE FIGURE PROFESSIONALI PREVISTE: IL RUP, OVVERO IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO, IL PROGETTISTA, IL DIRETTORE DEI LAVORI, IL RESPONSABILE DELLA SICUREZZA, E I VARI COLLABORATORI DEL PROGETTO. SECONDO QUANTO SAREBBE EMERSO ALCUNI DIRIGENTI DEL CAS, ALMENO FINO A SETTEMBRE DEL 2013, RICOPRENDO IL RUOLO DI RUP, AVREBBERO STRUTTURATO UN COLLAUDATO SISTEMA DI ELARGIZIONE DI INCENTIVI PROGETTUALI A UNA RISTRETTA CERCHIA DI DIPENDENTI PER GARANTIRSI, NEL TEMPO SIA GUADAGNI CHE UTILITA’. AGLI ATTI DELL’INCHIESTA CI SAREBBERO GIA’ UNA SERIE DI CAPTAZIONI AMBIENTALI E TELEFONICHE CHE PROVEREBBERO UNA VERA E PROPRIA MACCHINAZIONE AI DANNI DELL’ENTE REGIONALE, CON IL PERCEPIMENTO DEGLI INCENTIVI PROGETTUALI A UNA RISTRETTA CERCHIA DI DIPENDENTI, PRESCINDENDO SPESSO DALL’EFFETTIVO CONTRIBUTO APPORTATO NELL’AMBITO DEL COSIDDETTO GRUPPO DI LAVORO. 

ECCO I NOMI DEI 56 INDAGATI: GIOVANNI ARNAO, BALDASARRE ARRIGO, AGOSTINO BERNAVA, FRANCESCA BONGIORNO, AMEDEO BRANCA, ORAZIA CAMPANINO, ANTONINO CANNATELLA, ANNA MARIA CARBONE, LUCIA CICERO, CARMELO CIGNO, BALDASSARRE CIRAOLO, COSTANTINO CRISAFULLI, PAOLO CURRO’, SANTO D’AMICO, ANTONINO D’ARRIGO, SANTA DE DOMENICO, AMEDEO FINOCCHIARO, LETTERIO FRISONE, GIANCARLO GALLETTA, GIOVANNI GIAIMO, FRANCESCO GIADINA, GIACOMO GIORDANO, CARMELO INDAIMO, VINCENZO IRRERA, ANTONINO LA CORTE, NICOLA GIOVANNI LANIA, ANTONIO LANTERI, GIUSEPPE LANZAFAME, ANTONINO LIDDINO, MARIA LO NOSTRO, MARIO LO TURCO, ERNESTO MADDOCCO, STEFANO MAGNISI, CORRADO MAGRO, ANTONINO MAMAZZA, SERAFINA MARTORANA, CLORINDA MIFA, ALBERTO OFFERENTE, DOMENICO PERONE, CARMELO PINTAUDI, GIUSEPPE POTENZIONE, ANGELO PUCCIA, PAOLO RINAURO, FRANCESCO RIZZO, FRANCESCO SANTONOCETO, GASPARE SCEUSA, ALFONSO SCHEPISI, FILADELFIO SCORZA, FRANCESCO ANTONINO SPITALERI, ANTONINO PIETRO URSO, GIOVANNI USCENTI, BARBARA VINCI, WALTER ZAMPOGNA, LETTERIO ZANGHI’ E PAOLO SALVATORE ZUMBINO

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione