L'OMICIDIO DI OMAYMA: A Messina "picchiata e uccisa perché non avevano avuto figli maschi"

MESSINA. Una nuova perizia medico legale è stata disposta nel processo, in Corte d’ Assise, per l’ omicidio di Omayma Benghaloum, la mediatrice culturale tunisina uccisa a colpi di bastone al culmine di un litigio nella sua abitazione di Sperone il 4 settembre 2015. Accusato di omicidio il tunisino Faouzu Dridi, marito della donna. Il processo è ormai entrato nel vivo con l’ esame dei familiari della giovane mediatrice culturale che lavorava a fianco degli agenti dell’ ufficio immigrazione della Questura in occasione dello sbarco di migranti. Anche l’ ultima sera era stata impegnata fino a tardi per l’ arrivo di una nave di migranti.

Dopo la testimonianza della madre della giovane tunisina, sentita nella precedente udienza, ieri sono stati sentiti il padre ed il fratello. Quest’ ultimo in particolare ha confermato i dissapori tra Omayma ed il marito, era deluso per il mancato arrivo di un figlio maschio, la coppia ha avuto quattro bambine. Letizia Barbera – Gds

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione