MESSINA, L’OPERAZIONE ANTIMAFIA ‘TOTEM’: ECCO I NOMI DI TUTTI GLI INDAGATI

di Enrico Di Giacomo – Sono in tutto 68 gli indagati dell’operazione Totem, l’inchiesta sull’ascesa imprenditoriale di Luigi Tibia e i suoi tentativi di riappropriarsi dei beni confiscatigli. Oltre all’esponente del clan di Giostra, la moglie Maddalena Cuscinà, il commercialista Gugliotta, l’avvocato Bonanno e gli altri arrestati, gli investigatori hanno accertato i ruoli di: Fortunato Bellamacina (’86), Natale Caruso (73), Maria Antonia Cicero (’78, di Campofelice di Roccella), Michele Lombardini (’72 di Novellara), Simone Pati (’87), Natale Rigano (’81), Giacomo Russo (’96), Pietro Santamaria (’73), Calogero Smiraglia inteso Carlo (’73), Natale Squadrito inteso Renato (’48), Antonino Barbera (’72), Bitto Francesco (’77), Paolo Chiaia (’64), Rosario Costantino (69), Giuseppe Cucinotta (’84), Massimo Currò (’74), Antonino Cutè (’85), Roberto Ferrara (’72), Francesco Giuffrida (’65), Antonino Guglielmino (’70), Giovanni Ieni (’73), Francesco Irrera (’76), Luigi Irrera (’77), Francesco La Camera (’76), Giovanni Mancuso (’77), Orazio Margurio (’88), Filippo Marsala (’86), Anna Morana (80), Giovanni Pagano (’85), Daniele Pantò (’78), Concetta Pappalardo (’78), Veronica Pernicone (’87), Mario Rello (’74), Rosetta Ricciardo (’56), Pasquale Romeo (’50), Gaetano Russo (’86), Toruccio Salvatico (’92), Carlo Sergi (‘68), Francesco Tomasello (’73), Giovanni Versaci (’56), Daniele Vinci (’89), Ignazio Vinci (‘85), Giovanni Zanghì (’61). Tra loro ci sono diversi prestanomi e collaboratori di Tibia, poi una lunga serie di gestori delle sale da gioco e locali, dislocati in tutto il territorio cittadino, da Galati Marina fino a Mortelle, dove erano stati collocati i totem raccogli scommesse.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione