2 Marzo 2017 Giudiziaria

L’INCHIESTA ‘FOLLOW THE MONEY’: LINO SICLARI RESTA IN CARCERE, LA SUA SEGRETARIA DORA GITTO AI DOMICILIARI

Aicon - Siclari Lino

 

L’ARCHITETTO PASQUALE ‘LINO’ SICLARI, EX PATRON DELLA FALLITA AICON SPA DI GIAMMORO RESTA RINCHIUSO NEL CARCERE DI BARCELLONA PER IL RICICLAGGIO DI DENARO CHE SAREBE STATO TRAVASATO A DANNO DEI CREDITORI ATTRAVERSO SOCIETA’ DEL GRUPPO IN NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALE. IL GIP FABIO GUGLIOTTA, LO STESSO MAGISTRATO CHE HA APPLICATO LA MISURA CAUTELARE DELLA DETENZIONE CARCERARIA, NON HA INFATTI ACCOLTO LA RICHIESTA DI SCARCERAZIONE E IN SUBORDINE DI ATTENUAZIONE DELLA MISURA CAUTELARE AVANZATA PER CONTO DELL’INDAGATO DALL’AVVOCATO GAETANO BARRESI AL TERMINE DELL’INTERROGATORIO DI GARANZIA RESO LO SCORSO 23 FEBBRAIO. RESPINTA ANCHE UNA MODIFICA DI CUSTODIA CAUTELARE PER LA FEDELE SEGRETARIA DI SICLARI, SALVATRICE ‘DORA’ GITTO, 43 ANNI DI MILAZZO, CHE HA  AVUTO APPLICATA LA MISURA CAUTELARE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI NELLA SUA CASA DI MILAZZO. NULLA INVECE E’ STATO ANCORA DECISO PER IL TERZO INDAGATO, IL CONSULENTE CONTABILE DI SICLARI, PIETRO PAPPALARDO, 41 ANNI ORIGINARIO DI CATANIA, RESIDENTE A MONZA E DI FATTO DOMICILIATO A MILANO, ANCH’ESSO AI DOMICILIARI. LEONARDO ORLANDO – SINTESI DA GAZZETTA DEL SUD