7 Giugno 2017 Giudiziaria

Corruzione: Crocetta, mai favorito Morace. La Procura non mi contesta né vacanze a Filicudi né questioni personali

(AdnKronos) – “Non ho mai favorito Morace, al contrario l’ho danneggiato con il sistema di recupero delle corse, costringendolo a recuperare servizi saltati a causa del maltempo invece di intascare i soldi senza fornire quelle corse”. Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, al termine dell’interrogatorio fiume davanti ai magistrati di Palermo che lo hanno ascoltato nell’ambito dell’inchiesta, che lo vede indagato per concorso in corruzione, ribadisce la correttezza del suo operato. “La Procura non mi contesta né vacanze a Filicudi né questioni personali e neppure la proroga a settembre del collegamento marittimo – dice all’AdnKronos -. Sui giornali sono uscite notizie senza attinenza processuale, che la Procura ha definito emerite bufale”.

Il governatore punta il dito contro “personaggi squallidi che hanno attribuito il loro modo di pensare altrettanto squallido a me”. E aggiunge: “In questi giorni ho incontrato difficoltà nel recuperare le carte, dagli uffici ho ricevuto la documentazione a spizzichi e bocconi. Domani stesso effettuerò una verifica e chiederò conto agli uffici di quanto ho scoperto sui recuperi di corse mai effettuati in questi anni. E’ un aspetto per il quale ho chiesto ai magistrati di indagare”.