Assunzione dirigente, condannato l’ex sindaco di Milazzo Carmelo Pino. E’ candidato nella lista ‘Fdi-Noi con Salvini’

13 ottobre 2017 Inchieste/Giudiziaria

Il tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), collegio giudicante presieduto dal Fabio Gugliotta e dai giudici Fabio Processo e Francesco Alligo, ha condannato in primo grado con l’accusa di concorso in abuso d’ufficio per l’assunzione dell’ex dirigente Santi Romagnolo l’ex sindaco Carmelo Pino ad un anno e 4 mesi di reclusione, lo stesso Romagnolo ad un anno di reclusione e Franco Pino, fratello del sindaco, all’epoca esperto in materia finanziaria, a 8 mesi di reclusione, per tutti pensa sospesa. Pino, candidato alle elezioni regionali con la lista Fratelli d’Italia-Noi con Salvini per “Musumeci Presidente”, è stato interdetto per la durata di un anno dai pubblici uffici ma non dovrebbe avere ripercussioni elettorali poiché la pena è stata sospesa. Disposto anche il pagamento di 10 mila euro alla parte civile, l’architetto Giuseppe Bonarrigo che sarebbe stato danneggiato dalla nomina di Romagnolo. Ad essere assolti con formula piena per non avere commesso il fatto sono stati i segretari comunali dell’epoca che si sono succeduti tra il bando e l’assunzione, Giovanni Matasso e Lucio Catania. Secondo l’accusa il posto si doveva assegnare a Bonarrigo ma il sindaco e gli altri condannati si adoperarono per far vincere Romagnolo. (ANSA)