Messina, la bocciatura della rimodulazione del piano di riequilibrio: “Sdegno e preoccupazione per il voto del Consiglio Comunale” di alcune associazioni

5 Marzo 2018 Commenti e appelli

Le Associazioni sottoscritte esprimono sdegno e preoccupazione per il voto del Consiglio Comunale del 28/2/2018 che ha bocciato la proposta di riformulazione del piano di riequilibrio presentata dalla Giunta che avrebbe permesso alla città di potere rientrare dei debiti di bilancio in 20 anni anziché in 10 e liberare così risorse per Messina per ca 15 ml di euro annui.

Sdegno perché gli interessi della città di Messina sono stati palesemente calpestati.

Preoccupazione per il degrado della vita politica della città di cui il Consiglio Comunale si è reso responsabile.

Non può passare sotto silenzio il cinismo estremo con cui si è vanificato un lavoro durato anni teso a convincere ANCI e governo a rendere più agevole e meno pesante, per quei Comuni con bilanci in deficit, il superamento della crisi senza essere costretti a tagliare servizi essenziali per la città.

Messina è stata protagonista di questa battaglia ma, per il livore politico del Consiglio Comunale, rimane esclusa dai benefici e frutti che ricadranno invece su altre città.

Consideriamo questa tappa lesiva per i bisogni dei cittadini soltanto come una battuta di arresto.

Continueremo infatti a sostenere con maggiore energia il lavoro della Giunta rivolto al miglioramento del bilancio - perché il nuovo piano di riequilibrio potrà essere ripresentato dopo le elezioni - e sappiamo già che un altro decisivo appuntamento ci aspetta nell’immediato, la tutela delle colline e della città dalla speculazione edilizia e dalla cementificazione selvaggia.

I Consiglieri tutti sappiano che terremo gli occhi aperti e giudicheremo eventuali ricandidature dal servizio reso o non reso alla Città.

Messina, 5 marzo 2018

Le Associazioni firmatarie:

PICCOLA COMUNITA’ NUOVI ORIZZONTI

ARCIGAY MAKWAN ME

AIES SICILIA

BANCA DEL TEMPO ZANCLE SOLIDALE

FARO ME

ITALIA NOSTRA ME

LEGAMBIENTE ME

LELAT ME

MIRADES

360 GRADI

ZALEUCO

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione