CALCIO: Caos Messina, squadra non si allena ma il club usa mano pesante

21 Aprile 2018 Sport

Non è un momento positivo quello tra i giocatori del Messina e il presidente Pietro Sciotto. Secondo quanto riportato da Messina Sportiva, i calciatori oggi hanno  deciso di saltare due sessioni di allenamento. Il motivo? Il mancato versamento delle ultime mensilità. Il presidente, però, non ha preso affatto bene la notizia: “Sono amareggiato perché siamo di fronte a un episodio gravissimo. Valuteremo il da farsi, potremmo multare la squadra o prendere provvedimenti anche più gravi” – queste le parole del presidente, che ha poi aggiunto – “Non abbiamo neanche un giorno di arretrati. Il 20 di ogni mese saldiamo infatti la mensilità precedente. Oggi scade quella di marzo, mentre gennaio è stato pagato il 18 febbraio e gli emolumenti di febbraio sono stati regolarizzati il 23 marzo”.

Sciotto ha inoltre ammesso di non essere soddisfatto dell’attuale posizione in classifica del Messina e ha dichiarato che la squadra deve migliorare per poter sperare nel ripescaggio. Il presidente ha poi concluso parlando di alcune questioni dirigenziali: “Con il direttore sportivo Francesco Lamazza ho parlato e abbiamo chiarito tutto. Riccetti? Mi è stato riferito che ha parlato alla squadra. Approfondirò la questione, per capire se le cose sono andate davvero così, ma nel frattempo ho già preso provvedimenti, sollevandolo dall’incarico”.

In serata un comunicato stampa durissimo della società peloritana che sottolinea l’infondatezza delle notizie e preannuncia multe salate ai tesserati che non si sono allenati.

“L’esasperato attacco mediatico ricevuto oggi a seguito di infondate notizie apparse su alcuni organi di stampa risulta lesivo dell’immagine della società e mina l’entusiasmo del presidente, che ad oggi ha sempre onorato i propri impegni con grande senso di responsabilità. Il dottor Sciotto ha visitato in mattinata la squadra in vista della trasferta di San Cataldo, appuntamento di particolare rilievo per onorare la maglia e la città e per non compromettere i programmi della prossima stagione: i risultati delle ultime tre partite saranno infatti fondamentali per provare a migliorare l’attuale posizione in classifica, al momento deficitaria. La vittoria nella prossima trasferta è l’unico obiettivo richiesto dal presidente in questo momento; un passaggio a vuoto a San Cataldo potrebbe costringere la proprietà ad adottare seri provvedimenti. Nel corso della prossima settimana sarà discussa ogni singola posizione economica.

In merito alle voci circolate nel pomeriggio, la società vuole precisare come siano infondate tutte le pretese economiche di presunti arretrati poiché, ad oggi, l’Acr Messina è in regola con i pagamenti secondo gli accordi con i tesserati.

La società prenderà ulteriori provvedimenti per quanto concerne la decisione adottata dai calciatori di non allenarsi nella prevista sessione odierna; per tale motivo, i giocatori saranno severamente multati. È in corso inoltre un’indagine interna per far luce sulla fuga di notizie avvenuta a pochi minuti dalla riunione riservata con il presidente. La società ha infine deciso di adottare a tempo indeterminato la formula del silenzio stampa per tutti i tesserati”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione