Messina: sorpresi in un Rave Party con alcol e droga all’interno di un capannone delle FFSS. Denunciati 42 giovani

1 Giugno 2018 Cronaca di Messina

E’ questo il bilancio di una mirata attività svolta dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina all’esito di un controllo notturno effettuato presso un capannone abbandonato di Messina.

Nel dettaglio, in un sabato di alcune settimane orsono, alle ore 01.30, sul numero 112 della Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri pervenivano numerose chiamate per lamentare forti rumori e musica alta proveniente da un capannone ubicato nella Via Gibilterra di Messina, il cui suono era avvertitsin dall’adiacente Viale Europa.

La casualità però ha voluto che proprio a quell’ora era in atto unodei consueti servizi straordinari del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione del fenomeno della guida sotto l’effetto di alcol e droga, per cui sono state prontamente inviate sul posto ben 8 gazzelle dei carabinieri che seguendo il forte frastuono intervenivano presso un capannone dismesso già adibito a deposito ferroviario e di proprietà delle Ferrovie dello Stato.

Il fatto che l’area dovesse essere disabitata lasciava presagire, sin dall’inizio, quello che poi sarebbe stato constatato dai carabinieriUna volta guadagnato l’accesso alla struttura, i militari infatti notavano alcune anomalie dovute al fatto che, nonostante fosse evidente che fosse in corso una festa in un capannone dismesso, pur tuttavia erano stati apposti dei lucchetti ed alcune transenne.

In particolare, una volta arrivati davanti all’ingresso, i militari dell’Arma si rendevano conto della presenza di alcuni giovani cheuna volta introdottisi all’insaputa dell’Ente Proprietario all’interno dell’immobile, evidentemente con compiti di vedetta, scappavano verso l’interno per dare l’allarme e, per rendere disagevole l’accesso al fabbricato, tentavano di chiudere il cancello e spostavano alcune transenne. Ma, grazie all’azione decisa e fulminea, i Carabinieri riuscivano a penetrare all’internononostante i tentativi di elusione.

Una volta entrati e dopo aver spento la musica, i militari dell’Arma constatavano la presenza di una moltitudine di persone intente a ballare consumando alcol e droga, di cui una parte era nel capannone ed un’altra nel cortile antistante (che costeggia la linea ferroviaria), le quali alla vista dei carabinieri, nel tentativo di eludere i controlli, cercavano di allontanarsi precipitosamente, a piedi, nelle vie ed aree limitrofe sfruttando l’oscurità e la mancanza di recinzione perimetrale, in direzione del mare.

Nella circostanza, i Carabinieri dopo aver circondato alcune decine di giovani, iniziavano le operazioni di identificazione degli stessi e procedevano ad una minuziosa perquisizione locale dell’immobile. In tale contesto i militari dapprima constatavano, a seguito di un meticoloso controllo, ancorché reso difficile dalle condizioni ambientali e condotto con torce portatili, che per terra erano presenti un centinaio di spinelli e parti di essi, e successivamente rinvenivano complessivamente 13 involucri in cellophane contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuanahashish dal peso complessivo di 130 grammi circa, sottoposti a sequestro.

I 42 giovani (di cui 1 minorenne e 6 di origine straniera), venivano identificati – non solo nell’immediatezza ma soprattutto a seguito di approfonditi successivi accertamenti, finalizzati ad individuare il maggior numero di persone che quella notte si erano allontanati pensando di far perdere le proprie tracce – e deferiti alla Procura della Repubblica di Messina poiché ritenuti responsabili del reato di invasione di terreni o edifici aggravato (art. 633 c.p.).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione