MESSINA: ASSOLTI IN APPELLO DUE AGENTI DELLE VOLANTI CONDANNATI UN ANNO FA PER LESIONI

3 ottobre 2018 Inchieste/Giudiziaria

Nella tarda serata di ieri la sezione penale della Corte d’Appello di Messina, presieduta da Alfredo Sicuro, e composta dai colleghi Maria Eugenia Grimaldi e Carmelo Blatti, ha ribaltato il verdetto di condanna emesso dal giudice monocratico nel 2017, che aveva condannato due poliziotti delle volanti a due anni di reclusione per lesioni in occasione di un controllo su strada avvenuto nel lontano 2011. I due poliziotti, Giuseppe Grasso e Alessandro Manganaro, in primo grado erano stati ritenuti colpevoli di lesioni in occasione dell’effettuazione di un normale controllo su strada nei confronti del giovane Gabriele Anastasi, poi condotto alla Caserma Zuccarello. Sempre in primo grado, a sua volta Anastasi era stato assolto da alcuni reati e condannato, solo per uno, le lesioni ai due agenti, a due anni di reclusione. In appello quasi tutto è cambiato. E’ stata confermata la sentenza di condanna per lesioni a carico del giovane Anastasi nei confronti dei due poliziotti, mentre è stato assolto dalle accuse di violenza e minacce (“il fatto non costituisce reato”) e guida in stato di ebrezza alcolica (“il fatto non sussiste”). I giudice hanno poi assolto dall’accusa iniziale di lesioni a carico di Anastasi con la formula “perché il fatto non sussiste”. Sono state infine rigettate le domande delle parti civili. Gli imputati – che erano anche persone offese a vicenda – sono stati assistiti dall’avvocato Nunzio Rosso (Anastasi), dall’avv. Mario Ceralo Spurio e  dall’avvocato Nino Cacia (Giuseppe Grasso), e dall’avv. Fabio di Santo (Manganaro).