Asp Ragusa, chiesto rinvio a giudizio per l’ex direttore amministrativo del Papardo Amata

14 novembre 2018 Inchieste/Giudiziaria

Sono 26 le richieste di rinvio a giudizio notificate dalla guardia di finanza di Ragusa a carico di dirigenti e tecnici Asp, collaudatori e rappresentanti di imprese con particolare riferimento alla gestione passata. Diversi i reati contestati per una inchiesta partita nel 2014 e che racchiude tre filoni di indagini: un mega appalto da 32 milioni di euro per la pulizia dei reparti ospedalieri, la corretta esecuzione dei lavori per la realizzazione del nuovo Ospedale di Ragusa Giovanni Paolo II e le irregolarità di alcune attestazioni. I reati ipotizzati sono corruzione, falso, interruzione di pubblico servizio e frode nelle pubbliche forniture. Le indagini hanno portato anche a una segnalazione alla Corte dei conti per un possibile danno erariale da quattro milioni e mezzo di euro.

La complessa indagine, denominata Ethos e durata oltre un anno, è partita da una segnalazione che evidenziava anomalie sulla gestione del servizio di pulizie eseguito a favore degli ospedali e degli uffici dell’Asp dell’intera provincia. L’appalto, del valore di 32 milioni di euro, è stato assegnato ad una ditta di Udine, costituendo il primo caso di servizio di questo tipo affidato in provincia a favore di un unico soggetto economico. Le Fiamme gialle hanno verificato che, a fronte della fatturazione del servizio, eseguita dalla ditta sulla base della estensione delle superfici da pulire, indicate puntualmente nel capitolato d’appalto, l’azienda appaltatrice avrebbe fornito una prestazione sensibilmente diversa, sia per numero di dipendenti impiegati che per monte ore effettuate, inferiori di oltre il 20 per cento rispetto a quello previsto.

Nel mirino degli inquirenti anche le attività di controllo qualità che avrebbe dovuto adottare la ditta friuliana. La società in sede di gara aveva dichiarato di mettere in atto strumenti innovativi per rilevare lo sporco biologico, ma in realtà tali pratiche sarebbero state eseguite solo sporadicamente e assicurate da una dipendente della ditta che eseguiva il tutto utilizzando metodi molto più tradizionali, ovvero la vista, l’olfatto e un fazzoletto di carta. In merito all’accusa di corruzione, al centro dell’indagini è finita l’assuzione nella ditta di pulizie di due soggetti parenti o vicini alla vecchia dirigenza dell’Asp.

Irregolarità sarebbero state commesse anche nei lavori di costruzione del nuovo ospedale di Ragusa. Specialmente per quanto riguarda la realizzazione di alcuni impianti tecnologici. Ad attirare l’attenzione dei finanzieri sono stati i collaudi delle unità di trattamento d’aria (Uta) utilizzati in ambienti particolarmente delicati, quali il blocco parto, il blocco operatorio, nonché i locali destinati alla terapia intensiva coronarica e a quella neonatale. La sanificazione dell’aria avviene proprio attraverso il passaggio dell’aria pulita prodotta dalle Uta e l’estrazione di quella sporca. In tre casi, è stato riscontrato che nelle sale operatorie veniva immessa aria sporca. Nelle carte dell’indagine sono finiti anche presunti falsi preventivi e false relazioni inerenti una delibera del direttore generale, collegata alla assegnazione di lavori per circa 40 mila euro, con affidamento diretto a favore della ditta in quel momento presente nel cantiere. Tra le intercettazioni telefoniche ci sono quelle in cui emergerebbe un episodio di corruzione che vedrebbe protagonisti il direttore dei lavori – figura interna all’Asp – e il collaudatore, soggetto invece esterno: in cambio di un controllo a campione quest’ultimo avrebbe visto aumentare il proprio compenso da 1500 a 7mila euro.

Nonostante le numerose problematiche di particolare gravità connesse al malfunzionamento o al mancato completamento di opere e impianti dell’Ospedale Giovanni Paolo II, la governance del tempo procedeva comunque ad avviare, nella metà di giugno 2017, il trasferimento dai vecchi ospedali, con l’intento di rispettare a ogni costo la data dell’inaugurazione prevista per il 26 giugno 2017. Tuttavia la mancanza dei requisiti minimi per l’apertura ha portato all’interruzione del trasloco, con il ritorno nelle vecchie strutture, condizione che ha provocato un blocco dei ricoveri per un prolungatoperiodo, con sovraffollamento delle altre strutture presenti in provincia.

 

I nomi degli indagati

1. Aricò Maurizio, ex direttore generale Asp Ragusa
2. Amata Elvira, ex direttore amministrativo Asp Ragusa
3. Drago Giuseppe, ex direttore sanitario Asp Ragusa
4. Aprile Lorenzo
5. Caltagirone Ivano
6. Ruscica Elena Maria Carmela
7. Divita Giorgio
8. Di Martino Maddalena
9. Dalle Ave Giuliana
10. Tribastone Giovanni
11. Maniscalco Franco
12. Leone Cecilia Maria Carmela
13. Toro Maurizio
14. Siracusa Antonella
15. Buzzanca Nicolino Antonino
16. Pinto Vraca Roberto
17. Ferrante Gianluca
18. Falzone Alfonso
19. Di Mauro Maurizio
20. Sedrani Stefano
21. Tranquillo Giovanni Giuseppe Antonio
22. Spirio Carmelo
23. Mazzari Marco
24. Interlandi Davide
25. Finocchiaro Salvatore
26. Traviglia Antonio

Chi è

La dr.ssa Elvira Amata, ha conseguito il Diploma di Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina il 31/10/1985.

Ha sviluppato, a seguito di numerosi corsi formazione per la Gestione di appalti e forniture, un’approfondita conoscenza nel Settore.
In particolare ha frequentato il “Corso di Perfezionamento in Management degli Approvvigionamenti in Sanità rivolto a Provveditori-Economia” SDA Bocconi.

Nel 2012 ha conseguito l’attestato di formazione Manageriale per Direttori Amministrativi e Sanitarie per Azienda Sanitaria.

Già con D.A. 955/13 del 17/5/2013 è stata inserita nell’elenco dei soggetti idonei alla nomina di Direttori Generali delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere e delle Aziende Universitarie della Regione Siciliana.
Riconfermata nell’elenco dei soggetti idonei alla nomina di Direttori Generali degli Istituti di ricovero e Cura a carattere scientifico non trasformati in fondazione del servizio sanitario della Regione Sicilia, approvato con D.A. 965/14 del 17/6/2014.

Dall’1/11/2012 al 30/6/2014 è stata Direttore Amministrativo Azienda “O.R. Papardo – Piemonte” Messina.
Dal 1 luglio del 2014 fino alla data di nomina di Direttore amministrativo dell’Asp di Ragusa, ha ricoperto il ruolo di Dirigente Amministrativo Struttura Complessa Gare e Appalti Azienda Ospedaliera O.R. Papardo – Piemonte Messina.

Con delibera del 27/01/2015, n. 153 è stata nominata Direttore Amministrativo dell’Asp di Ragusa, si è insediata il 1 febbraio 2015.