Operazione Beta 2: giudizio immediato per 8 indagati

9 Dicembre 2018 Inchieste/Giudiziaria

I pubblici ministeri della Dda Liliana TodaroMaria Pellegrino e Fabrizio Monaco e il collega della Procura ordinaria Antonio Carchietti, hanno chiesto di procedere con il giudizio immediato a carico dei coinvolti nell’inchiesta antimafia “Beta 2”.

Istanza accolta dal giudice Salvatore Mastroeni, che ha fissato il 20 marzo prossimo la data in cui 8 imputati dovranno comparire davanti alla Prima sezione collegiale di Palazzo Piacentini. Si tratta di Antonio Lipari, 41 anni, nato a Messina; Salvatore Lipari, 43 anni, nato a Messina; Giuseppe La Scala, 51 anni, nato a Messina; Giovanni Marano, 46 anni, nato a Catania; Michele Spina, 46 anni, nato ad Acireale; Ivan Soraci,43 anni, nato a Messina; Maurizio Romeo, 38 anni, messinese; Salvatore Parlato, 62 anni, siracusano di Francofonte.

Entro 15 giorni, la difesa dovrà decidere se optare per il rito ordinario o per quello abbreviato. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Tancredi Traclò, Salvatore Silvestro, Roberto Materia, Nunzio Rosso, Michele Ragonese, Antonino De Francesco, Pier Francesco Continella, Salvatore Scordo, Nino Cacia e Luigi Gangemi.