“C’è un intollerabile gap nel campo del diritto allo studio – aggiunge – tra Nord e Sud del Paese, che rischia ulteriormente di aumentare con l’approvazione dell’autonomia differenziata. Un mostro legislativo che consente alle regioni più ricche di avere più risorse per erogare servizi e abbandona quelle più povere al loro destino. Sarà questa la prossima campagna che vedrà impegnata tutta la Flc Cgil insieme alle altre organizzazioni sindacali, in ogni parte del Paese”.