Intercettazione Crocetta-Tutino, a giudizio i due collaboratori de L’Espresso

13 Maggio 2019 Inchieste/Giudiziaria

Sono stati citati a giudizio dal pm di Palermo Gaspare Spedale (prima udienza fissata per il 16 luglio) i due giornalisti de L’Espresso, Maurizio Zoppi e Piero Messina, accusati di diffamazione aggravata a mezzo stampa per un articolo pubblicato nel luglio 2015, nel quale si attribuiva al dottore Matteo Tutinouna frase di un’intercettazione telefonica, ritenuta falsa, nella quale il medico, a colloquio con l’allora Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, avrebbe affermato che Lucia Borsellino (figlia del giudice ucciso nel ’92 in via d’Amelio), in quel periodo assessore regionale alla Sanità, “Va fatta fuori come il padre”. Con i due giornalisti è stato citato a giudizio anche il direttore l’allora dell’Espresso, Luigi Vicinanza. La citazione a giudizio del pm consente di andare direttamente al processo senza passare dalla richiesta al Gup. L’Espresso e i tre giornalisti lo scorso anno hanno subito una condanna in sede civile, a 50 mila euro di risarcimento per Tutino e a 57 mila euro per Crocetta. Un altro filone dell’inchiesta – che è nella fase dibattimentale – riguarda l’ipotesi di calunnia: Zoppi e Messina hanno indicato nel capitano del Nas dei carabinieri, Mansueto Cosentino, la fonte della notizia. I giornalisti hanno sostenuto di averla appresa da lui nel 2014, circostanza smentita dal militare.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione