La Onofaro srl di Messina si occuperà del porta a porta by Fontanini a Udine

11 Ottobre 2019 Mondo News

Sarà l’azienda messinese Onofaro Antonino a occuparsi del servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta a Udine. In realtà la ditta siciliana, da anni collabora con la Net e si è aggiudicata la gara d’appalto con un ribasso d’asta del 6,67 per cento sull’importo complessivo a base di gara fissato in 9,3 milioni di euro. La commissione giudicatrice dell’appalto ha comunicato nei giorni scorsi al consiglio d’amministrazione della multiutility friulana l’esito della procedura a evidenza pubblica, alla quale aveva partecipato anche un’altra azienda, la piemontese Teknoservice. La Onofaro non si occupa solo di servizi di raccolta, trasporto e conferimento in impianto delle spazzature, si occupa della messa in sicurezza di siti inquinati, la costruzione e gestione di impianti di trattamento rifiuti solidi e urbani e pare che proprio in virtù di queste potenzialità ha vinto la gara,  grazie anche “all’offerta tecnica migliorativa”. L’appalto è triennale ma prevede un’opzione per il prolungamento del servizio per un ulteriore biennio, per coprire il quale è previsto uno stanziamento di altri 6,1 milioni di euro. Da quanto si è saputo i lavoratori della Onofaro inizieranno a svolgere i loro compiti già entro la fine del mese corrente attraverso la pianificazione della distribuzione dei bidoncini (5 per famiglia) nella seconda circoscrizione, che comprende quartieri come Cormor, San Domenico, Villaggio del Sole, Rizzi e San Rocco. La seconda parte dell’operazione partirà a Dicembre quando si attuerà la sperimentazione del sistema di raccolta differenziata porta a porta che vedrà anche la consegna di un manuale d’istruzioni che doverebbe spiegare, nel dettaglio, come conferire correttamente i rifiuti per tipologia e tempistica. Tornando alla ditta Onofaro Antonino srl questa è nata nel febbraio 1981 nel messinese, nel comune di Naso, e nel tempo ha ampliato il suo raggio d’azione oltre il territorio siciliano. Tutto è iniziato quando il titolare Onofaro Antonino iscrisse alla CCIAA di Messina la propria ditta individuale, per operare nel settore del movimento terra e della rimozione dei detriti del post terremoto del 1978 in vari comuni della provincia peloritana. Nella metà degli Anni Ottanta la ditta si specializzò nella realizzazione e nella gestione di discariche per l’interramento dei rifiuti urbani, per poi diversificare, da lì a pochi anni, con l’organizzazione dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e dei servizi di spazzamento in vari comuni della provincia di Messina, Catania e Siracusa. Sul finire degli Anni Novanta la ditta iniziò a svolgere la sua attività ambientale anche in ambito portuale, in vari porti della Sicilia e realizzò diverse opere di messa in sicurezza di discariche per rifiuti urbani oramai dismesse. A partire dalla seconda metà del Duemila, con la trasformazione in società di capitali e l’affiancamento dei figli nelle attività imprenditoriali del fondatore, la Onofaro Antonino srl ha oltrepassato i confini regionali e aggiundicandosi, nell’ambito dei servizi di raccolta rifiuti urbani e di nettezza urbana, diverse commesse in varie zone del territorio nazionale, arrivando ad operare in vari comuni italiani dal Sud al Nord dell’Italia. Insomma una realtà consolidata, tanto da poter competere spesso alla pari con aziende del settore anche maggiorente consolidate.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione